19 novembre 2019
Aggiornato 01:30
Musica novità

Max Gazzè sperimenta con il pop: esce Maximilian

E' in arrivo il 30 ottobre l'album del cantautore. Un disco dalle mille sfaccettature, volutamente eterogeneo che racconta in forma di filastrocca ciò che accade nel mondo.

ROMA - E' in uscita venerdì 30 ottobre, a due anni da SottoCasa e dopo il progetto Il Padrone della Festa scritto e pubblicato con Daniele Silvestri e Niccolò Fabi, il nuovo album di Max Gazzè, Maximilian. Sulla copertina Max è ritratto con un costume da gentiluomo del '700 ed il perchè è presto spiegato: «Stavo sperimentando nuovi strumenti e creando suoni diversi – spiega l'artista - Poi mi è apparso Maximilian, un uomo né del passato né del futuro, ma di un presente diverso, di un’altra dimensione. Il nuovo disco doveva essere un progetto sperimentale, poi sono arrivate le canzoni. Mi piace molto così com’è, un quadro con tanti colori, eterogeneo».

I mille volti di Maximillian
Il disco si apre con «Mille volte ancora», lettera di un padre al figlio, che racconta un rapporto fatto di allontanamenti e abbracci, periodi di incomprensione e di silenzio, ricordi di «ninne nanne» che suonano come un «mantra» per tutta la vita. Max tiene molto a condividere con il pubblico questo il processo emotivo che lega gli artisti alle altre persone: «L’artista non è solo colui che traduce qualcosa di metafisico ma è un artigiano che interagisce con la sensibilità di chi ascolta…». Un disco incentrato sul rispetto umano e sul senso della vita: descrivono fatti ripresi dall’attualità (le vicende drammatiche del suicidio relegate a un trafiletto di cronaca, raccontate nel brano «In breve»), il frenetico vivere quotidiano (la vita sarebbe più semplice se ci prendessimo un po’ meno sul serio, in «La vita com’è»), i sentimenti «a tutto tondo» (amori perduti e poi ritrovati, storie apparentemente finite, amore come arma infallibile per contrastare l'ineluttabile, imposto dall'incedere delle lancette).

E' già un successo
Le dieci tracce del disco sono state scritte infatti da Max con il fratello Francesco Gazzè e altri autori che compaiono per la prima volta. Con la produzione artistica dello stesso Max Gazzè, e con la produzione esecutiva di Francesco Barbaro, il disco è stato registrato e mixato a Roma (da Gianluca Vaccaro al Terminal 2 studio) e masterizzato a New York da Chris Gehringer, presso lo Sterling Sound. Il primo assaggio di Maximilian, «La vita com’è», è uno dei brani più ascoltati e scaricati del momento e il videoclip pubblicato su YouTube ha superato 2 milioni di visualizzazioni.

Maximillian in tour
All'album seguirà un tour che partirà a febbraio ma sta già vendendo molto bene, tanto che sono state raddoppiate molte tappe: Bologna (5 e 6 febbraio, Estragon Club), Milano (9 e 10, Alcatraz), Roma (19 e 20, Atlantico Live) e Firenze (25 e 26, Obihall). Il debutto del tour è al Palasport di Pescara (30 gennaio), per proseguire a Venaria Reale, Torino (La Concordia, 11 febbraio), Riva del Garda, Trento (Palasport, 12 marzo), Padova (PalaGeox, 25 marzo) e a Rimini (Velvet Club, 2 aprile). I primi appuntamenti per l’artista, subito dopo l’uscita del disco, saranno invece negli instore, con mini-live e set acustico per Max e la sua band, il 30 ottobre a Roma (Feltrinelli, ore 18:00 - via Appia Nuova), il 2 novembre a Milano (Feltrinelli, ore 18:30 - piazza Piemonte), il 3 novembre a Bologna (Feltrinelli, ore 18:00 - piazza Ravegnana); 4/11 Bari (Feltrinelli, 18:30 - via Melo), il 5 novembre a Napoli (Feltrinelli, ore 18:00 - piazza dei Martiri), l'11 novembre a Torino (Feltrinelli, ore 18:30 - Stazione Porta Nuova), il 12 novembre a Firenze (Feltrinelli Red, ore 18:30 - piazza della Repubblica).