20 maggio 2019
Aggiornato 00:30
Afghanistan | Missione ISAF

Due marine uccisi nella base del Principe Harry

Nel giorno dell'undicesimo anniversario degli attentati dell'11 settembre, un portavoce dei talebani, Zabiullah Mujahid, citato dai media britannici, aveva dichiarato: «Farò tutto il possibile per eliminare il principe Harry», che oggi compie 28 anni

HELMAND - Due marine americani sono morti in un attacco sferrato contro la base aerea britannica di Camp Bastion, la più grande della Nato nella provincia meridionale di Helmand, nel sud dell'Afghanistan. Nella base è di stanza il principe Harry, tornato in Afghanistan per quattro mesi, illeso.
Secondo quanto riferito dal portavoce del vicino Camp Leatherneck, base dei marine americani, l'attacco sarebbe stato condotto con armi da fuoco, lanciagranate e lanciamissili. Nell'azione, sarebbero stati uccisi 16 talebani; feriti alcuni soldati della Nato. L'azione ha provocato anche danni ad alcuni velivoli che si trovavano nella base; nell'area, ci sono circa 20.000 tra soldati, civili e contractor dei due Paesi.

OGGI COMPIE 28 ANNI - Nel giorno dell'undicesimo anniversario degli attentati dell'11 settembre, un portavoce dei talebani, Zabiullah Mujahid, citato dai media britannici, aveva dichiarato: «Farò tutto il possibile per eliminare il principe Harry», che oggi compie 28 anni.