24 febbraio 2020
Aggiornato 15:30
MotoGP | Gran Premio d'America

Beltramo: Parlano Rossi e Marquez, in un clima migliore del previsto

Il giovedì di conferenze stampa ad Austin è stato interessante, ma meno polemico di quanto ci si potesse aspettare, dopo le schermaglie tra i due grandi rivali

MILANO – Ancora devono accendersi i motori per il Gran Premio delle Americhe, ma la giornata delle conferenze stampa della vigilia, ad Austin, è stata comunque interessante come previsto. Merito dell'onda lunga delle polemiche per il contatto tra Marc Marquez e Valentino Rossi in Argentina, del quale sono tornati a parlare i due protagonisti. «Marquez ha tenuto una conferenza stampa nella mattinata texana facendo un passo indietro: ha detto che lui è uno che vuole imparare dai propri errori, che ha capito di aver sbagliato e che ha già chiesto scusa, ma che non cambierà il suo stile di guida – racconta il nostro Paolo Beltramo – Valentino Rossi ha parlato molto più tardi e ha sostenuto che ribadire le stesse cose che ha detto in Argentina sarebbe un'inutile perdita di tempo: la sua posizione è chiara, ha anche rivisto la gara e non ha cambiato opinione. Però ha anche aggiunto che forse un giorno si siederà con Marquez e parlerà di questo fatto, chissà».

Venerdì la riunione
E nel prosieguo del weekend sono attese ulteriori conseguenze: «Non rischiare inutilmente è giusto, il fatto che ci siano delle regole più chiare anche, e lo vogliono più o meno tutti. Vedremo cosa succederà domani, nel tardo pomeriggio texano, quindi nella notte italiana, nella commissione sicurezza, alla quale parteciperà anche Carmelo Ezpeleta, che però crediamo abbia già parlato con i due piloti. Insomma, il clima sembra migliore di quello che io personalmente mi aspettavo, e migliore del 2015: anche perché in effetti siamo a inizio stagione e non c'è così tanto in ballo».