19 ottobre 2020
Aggiornato 17:30
Scandalo doping

Russia fuori da Tokyo 2020

Mosca ha manomesso i dati di laboratorio con prove false ed eliminando i file collegati a test antidoping positivi che avrebbero potuto aiutare a identificare i dopati

Russia fuori da Tokyo 2020
Russia fuori da Tokyo 2020 ANSA

MOSCA - L'Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha bandito la Russia dalla partecipazione ai principali tornei sportivi internazionali, tra cui le Olimpiadi e i Campionati del mondo, per un periodo di quattro anni. Lo riporta la Tass. Il comitato esecutivo della WADA ha preso la decisione dopo aver concluso che Mosca ha manomesso i dati di laboratorio con prove false ed eliminando i file collegati a test antidoping positivi che avrebbero potuto aiutare a identificare i dopati.

Mosca: «Dobbiamo difendere i nostri atleti»

La Russia si opporrà al verdetto della Wada che l'ha esclusa per quattro anni da Olimpiadi e Mondiali davanti al Tas di Losanna. Lo ha annunciato Svetlana Zhurova, vicepresidente della commissione internazionale della Duma. «Ci sarà una riunione del Board di supervisione della Rusada il prossimo 19 dicembre e si deciderà se accettare questa sanzione oppure no - le sue parole riportate dalla Tass - Sono sicura al 100% che sarà fatto ricorso perchè dobbiamo difendere i nostri atleti».

Per antidoping russo «nessuna possibilità in appello»

Secondo il capo dell'agenzia antidoping russa Rusada, Yuri Ganus, la Russia non avrebbe «nessuna chance» di ribaltare in appello la decisione della Wada di bandirla per quattro anni dai principali tornei sportivi internazionali, Mondiali e olimpiadi. «Non c'è nessuna chance - ha detto Ganus - di vincere questo caso in tribunale».