12 dicembre 2019
Aggiornato 10:00

Vettel: «Sochi mi piace, ottimi ricordi». Leclerc: «La vettura ha fatto progressi»

Ferrari, a caccia del 4° successo consecutivo, metterà alla prova i propri progressi, su una pista che richiederà un approccio diverso rispetto ai precedenti GP

L'esultanza di Sebastian Vettel dopo la vittoria di Singapore
L'esultanza di Sebastian Vettel dopo la vittoria di Singapore ANSA

SOCHI - Le vittorie a Spa, Monza e Singapore rendono la Ferrari il team del momento in Formula 1. A Sochi, dove un anno fa la Mercedes centrò la doppietta - col trionfo di Lewis Hamilton davanti al compagno Valtteri Bottas - la Ferrari metterà alla prova i propri progressi, su una pista che richiederà un approccio diverso rispetto agli appuntamenti precedenti.

Vettel: «Ottimi ricordi»

Terzo un anno fa su questo circuito, Sebastian Vettel guarda con fiducia con l'appuntamento in Russia. Il ritorno alla vittoria dopo 392 giorni di digiuno carica il tedesco in vista del GP di Sochi, in programma per domenica alle 13:10 (diretta su Sky Sport F1 e Sky Sport Uno): «È ormai qualche anno che veniamo a gareggiare in Russia. Il Sochi Autodrom è una pista su cui siamo andati vicini alla vittoria più volte, senza mai essere riusciti a raggiungerla. Abbiamo dei bei ricordi, come il secondo e il terzo posto di due anni fa, ma manca ancora quell'ultimo passo per essere completamente soddisfatti». Il ferrarista è positivo: «Il circuito mi piace, è unico, perché passa vicino agli impianti e alla Medal Plaza dei Giochi Olimpici invernali e questo mi fa un certo effetto. Ci sono alcune curve simili tra loro, tutte molto tecniche e per niente facili da affrontare per ingresso, frenata e capacità di far ruotare la vettura in maniera efficace e senza sacrificare le gomme. Dal punto di vista della guida per me è una delle piste più tecniche del calendario e proprio per questo diventerebbe particolarmente appagante fare il giro perfetto, specie in qualifica».

Leclerc: «La vettura ha fatto progressi»

Dopo la delusione per la strategia del team a Singapore, Charles Leclerc dimostra voglia di dare il massimo anche sul circuito russo. Dopo le vittorie di Spa e Monza, e il secondo posto di Marina Bay, il monegasco è già concentrato sul weekend di Sochi: «Arriviamo in Russia dopo tre weekend positivi per la squadra che dimostrano, soprattutto dopo Singapore, che la vettura ha fatto dei progressi anche su piste che richiedono una configurazione ad alto carico aerodinamico. Il circuito di Sochi è impegnativo, dato che propone un mix di lunghi rettilinei e un gran numero di curve, in particolare nell'ultimo settore. Non vedo l'ora di salire in macchina per capire se la vettura sarà performante anche qui, come lo è stata nelle ultime settimane. L'atmosfera qui è speciale, perché si gareggia tra gli impianti delle Olimpiadi, importanti per lo sport e per tanti atleti di tutto il mondo. Motivo per cui il circuito è unico».