15 novembre 2019
Aggiornato 16:00

Rossi: «Adoro Silverstone e la Yamaha qui è sempre veloce»

Il pilota della Yamaha: «L'anno scorso fu un incubo, ora speriamo meglio». Dovizioso: «La vittoria in Austria non è un caso, possiamo essere veloci»

Valentino Rossi su Yamaha
Valentino Rossi su Yamaha ANSA

SILVERSOTNE - «Adoro Silverstone, è tra i miei primi 5 brani preferiti. Mi piace molto perché è una traccia vecchio stile. È molto lungo, fare un giro è come fare un viaggio da un posto all'altro, ed è tecnico - ha tutto». Parola di Valentino Rossi alla vigilia del Gp di Gran Bretagna. «Quando sei veloce, è un grande piacere guidare lì. Ho dei bei ricordi di questo circuito, ma tutto dipende dal tempo. Guidare a Silverstone in condizioni meteorologiche difficili è spaventoso perché stai andando così veloce, quindi speriamo in un tempo simile a quello che abbiamo avuto nel 2017, quando abbiamo trascorso un buon fine settimana».

«Di solito la Yamaha è veloce»

«Per essere veloci qui hai bisogno di una buona sensazione e stabilità. Anche nelle forcine hai punti veloci e ci sono anche molte curve lunghe, quindi è una pista dove di solito la Yamaha è veloce. Speriamo in un bel tempo perché l'anno scorso è stato un incubo, quindi speriamo che quest'anno sia un buon fine settimana, anche per i fan».

Il sorpasso di Dovizioso in Austria ai danni di Marquez
Il sorpasso di Dovizioso in Austria ai danni di Marquez (ANSA)

Dovizioso: «La vittoria in Austria non è un caso»

Dopo la spettacolare vittoria di Andrea Dovizioso dieci giorni fa in Austria al Red Bull Ring, il Ducati Team arriva ora nel Regno Unito per uno degli eventi più tradizionali del mondiale MotoGP, il British Grand Prix. Il circuito di Silverstone sarà nuovamente teatro dell'ultimo appuntamento di agosto del mondiale MotoGP, il dodicesimo e, a causa della cancellazione della gara dell'anno scorso, è stato proprio Dovizioso ad ottenere l'ultimo successo in Inghilterra con la sua vittoria del 2017 sulla Ducati.

«Possiamo essere veloci»

Con il trionfo nel GP d'Austria, il pilota di Forlí ha raggiunto 172 punti in classifica a 58 lunghezze dal leader Marc Márquez. «Non c'è nulla che dia più soddisfazione e sicurezza di una vittoria, e così arriviamo a Silverstone con il morale molto alto. Il nostro risultato al Red Bull Ring non è arrivato per caso, perché abbiamo lavorato molto bene nei due fine settimana di gara consecutivi e i risultati ci hanno dato ragione. Anche se le caratteristiche del tracciato inglese non sono così favorevoli per noi come Brno e Zeltweg, abbiamo già dimostrato che anche a Silverstone possiamo essere molto veloci, come nel 2017 quando abbiamo vinto la gara. Il meteo, come sempre, svolgerà un ruolo importante e bisognerà essere pronti ad adattarsi a qualsiasi circostanza».