21 ottobre 2019
Aggiornato 22:30

Dovizioso trionfa su Marquez con un sorpasso all'ultima curva

Il forlivese Andrea Dovizioso si impone a parti invertite rispetto a quello che successe nel 2017, Marc 2°, poi Quartararo e Rossi

Andrea Dovizioso vince in Austria
Andrea Dovizioso vince in Austria ANSA

SPIELBERG - Fantastico Andrea Dovizioso. Il pilota della Ducati ha vinto il GP d'Austria e ritrovato un successo che gli mancava ormai dalla prima gara stagionale. Il forlivese ha compiuto un vero e proprio capolavoro, tenendo il ritmo di Marquez per tutto il Gran Premio nonostante un ritmo forsennato imposto dallo spagnolo fino a nove giri dal termine, quando DesmoDovi apre tutto il gas e si rimette al comando, riuscendo a tenere testa all'alieno di Cervera fino alla incredibile sequenza di sorpassi e controsorpassi che ha inchiodato tutti fino alla bandiera a scacchi. L'ultimo, all'ultima curva, è quello vincente dell'italiano. Terzo posto per un ottimo Quartararo con la Yamaha Petronas, ai piedi del podio invece Valentino Rossi. Marquez resta saldamente leader del Mondiale, a + 58 su Dovizioso.

Dovizioso: «Ho fatto una pazzia»

«Anche e me sembrava impossibile il sorpasso all'ultima curva. Quando sono arrivato a quel punto non pensavo di riuscirci ma era l'ultima curva e ci dovevo provare: ho fatto qualcosa di pazzo e ha funzionato». Questa la gioia di Andrea Dovizioso al termine del Gran Premio d'Austria, undicesima tappa del Mondiale di MotoGP, vinto dal pilota della Ducati con un sorpasso all'ultima curva su Marquez. «Se fossi andato troppo lungo - ha spiegato l'italiano della Ducati - sarei arrivato comunque secondo. Avevo buone sensazioni e mi sentivo molto forte in quel momento. In passato ci ho pensato un po' troppo, stavolta invece no».

Marquez: «Grande Dovi ma io sbagliato gomme»

«Oggi abbiamo commesso un grosso errore nella scelta della gomma posteriore, tutte le gomme soft avevano un'aderenza migliore». Così Marc Marquez al termine del Gran Premio d'Austria, chiuso dal pilota della Honda al secondo posto, dietro ad Andrea Dovizioso. «C'ho provato perchè sono io e devo provarci ma ho sbagliato all'ultima curva. Il posteriore mi scivolava tanto, Dovizioso comunque ha fatto un lavoro incredibile. Sono in testa con 58 punti di vantaggio e dobbiamo continuare lungo questa strada», ha aggiunto lo spagnolo della Honda.

Rossi: «Dovizioso un campione, gli manca il Mondiale»

«Dovizioso è un campione perché ha vinto tante gare, gli manca il Mondiale. Da qualche anno è la seconda forza del campionato. E' grande ma ha ancora tanti anni per vincere il Mondiale». Valentino Rossi tramite Sky Sport fa i complimenti ad Andrea Dovizioso per la vittoria nel Gp d'Austria. Sul suo gran premio dice: «Avevamo il potenziale per stare nei primi 5/6 posti in griglia e se fossimo partiti più avanti la gara poteva essere diversa. Partendo da decimo è andata molto bene, sono riuscito a venire su abbastanza veloce, è stata comunque una bella gara. Per il podio ero vicino, ma quelli davanti andavano più forte - ha affermato il Dottore -. Dobbiamo migliorare, faccio fatica a trovare l'extra grip con gomma morbida. Siamo più competitivi perché abbiamo migliorato l'accelerazione e l'elettronica e abbiamo un passo più costante con uno stress inferiore della gomma posteriore. Honda e la Ducati sono più veloci, però stiamo lavorando nella direzione giusta».

Romano Fenati torna al successo in Moto3

Romano Fenati torna alla vittoria. Il pilota ascolano solo 11 mesi fa sembrava essere stato bandito dal motomondiale dopo che a Misano perse la testa in una gara di Moto 2. Fenati affiancò Stefano Manzi in velocità premendogli il freno e rischiando di causare una clamorosa caduta. Fu squalificato per tutto il 2018 perdendo il posto in Moto2. Oggi nel Gp d'Austria classe Moto3, l'ascolano del team VNE Snipers, che lo ha riassunto ma facendolo scendere in Moto3, ha raccolto il successo al Red Bull Ring davanti al collega di box Tony Arbolino. Terzo John McPhee (Petronas Sprinta Racing).