22 settembre 2019
Aggiornato 11:30

Delusione Mugello: Rodrigo fuori subito, Rossi lontano

Una domenica da dimenticare in fretta per il Team Kömmerling Gresini Moto3 che lascia le colline toscane con zero punti a referto.

Delusione Mugello: Rodrigo fuori subito, Rossi lontano
Delusione Mugello: Rodrigo fuori subito, Rossi lontano ANSA

Una domenica da dimenticare in fretta per il Team Kömmerling Gresini Moto3 che lascia le colline toscane con zero punti a referto. La delusione è grande perché Gabriel Rodrigo era stato tra i grandi protagonisti di questo primo fine settimana italiano: sempre veloce nelle libere, secondo ieri in qualifica e ottimo anche all’uscita dai blocchi di questo Gran Premio d’Italia 2019.

La gara di Gabriel è durata troppo poco con l’argentino che dopo 5 giri ha perso l’anteriore in entrata di curva 4. Una caduta senza conseguenze per il numero 19 che ha però perso una grande occasione per riportarsi a ridosso dei migliori nella classifica mondiale. (I suoi 37 punti gli valgono ora la 10ª piazza a 46 lunghezze dal leader).

Per Riccardo Rossi è stato un fine settimana importante: la 21ª posizione finale è un po’ bugiarda già che all’ultimo giro il giovane rookie stava lottando con un gruppetto di 6 piloti per entrare in zona punti. Un tentativo di sorpasso un po’ azzardato alla curva 1 e il conseguente «lungo» lo hanno tolto dalla bagarre.

N.C. – GABRIEL RODRIGO #19

«Non so cosa sia successo nella caduta… Nel warm up eravamo a posto e la strategia era provare a spingere fin dall’inizio in gara. Sono partito bene, però in tanti invece di mettersi in scia hanno provato a bloccarmi un po’… Poi nel gruppo di testa sono rientrati piloti un po’ più aggressivi e ho deciso di risparmiare gomme e stare in gruppo. Purtroppo al toccare il gas in entrata di curva ho perso l’anteriore e non c’è stato nulla da fare».

21º - RICCARDO ROSSI #54

«Nel warm up ho provato la gomma a mescola dura e mi è piaciuta. Abbiamo deciso di usarla anche in gara ma faceva più caldo e all’inizio ho sofferto un po’ perché la moto non era stabilissima. Col passare dei giri mi son sentito più comodo e ho potuto recuperare qualche posizione. Peccato l’errore nel finale, ho provato a passarli tutti e 5 alla curva uno e non è andata bene. Oggi eravamo da punti, ma continuiamo a fare esperienza e i risultati arriveranno».