5 dicembre 2019
Aggiornato 17:30

Top5 per Rodrigo nelle qualifiche di Le Mans

26ª piazza per Riccardo Rossi, in difficoltà sulle condizioni miste del tracciato francese oggi, ma comunque bravo nel rimanere concentrato

Gabriel Rodrigo
Gabriel Rodrigo Gresini Racing

LE MANS - Dopo un venerdì di clima primaverile e pista asciutta, per il Team Kömmerling Gresini Moto3 ecco il tipico sabato da #FrenchGP con temperature in picchiata, condizioni miste e pioggia a tratti. In un sabato così non era facile trovare la giusta dimensione, ma Gabriel Rodrigo è stato bravo sia nelle fp3 (chiuse sul bagnato in 4ª posizione) che nelle Q2 del pomeriggio dove l’argentino ha chiuso con il 5º tempo assoluto che domani gli permetterà di partire dal centro della seconda fila.

Una Q2 che l’argentino ha iniziato con gomme usate per trovare ritmo sull’asfalto asciutto e che si è decisa con appena due giri lanciati, sufficienti per il numero 19 a fermare il cronometro a 1’42.743, a meno di mezzo secondo dalla pole position.

26ª piazza per Riccardo Rossi, in difficoltà sulle condizioni miste del tracciato francese oggi, ma comunque bravo nel rimanere concentrato e chiudere con il tempo di 1’45.116. L’italiano domani partirà due posizioni più avanti grazie alle penalità inflitte a due piloti che lo precedono in griglia.

5º - GABRIEL RODRIGO #19

«Fino ad ora abbiamo lavorato bene: ieri sull’asciutto, oggi in tutte le condizioni…Siamo veloci. Visto che domani le previsioni sono ancora dubbie, meglio essere preparati a tutto. In qualifica non è stato facile perché ho dovuto cambiare il chip da bagnato ad asciutto e in 4 giri fare il tempo…La seconda fila è una buona posizione e vogliamo fare una bella gara domani. Dovesse piovere cambia tutto, ma con l’asciutto sicuramente sarà una gara di gruppo e noi possiamo essere lì davanti a giocarcela».

26º - RICCARDO ROSSI #54

«Le condizioni di oggi mi hanno un po’ dato fastidio. La via di mezzo tra bagnato e asciutto, che ovviamente c’è per tutti, la soffro ancora un po’, ma c’è da migliorare anche su questo aspetto. Le pista mi gasa, ma devo ammettere che il feeling con l’anteriore mi sta dando ancora qualche problema. Devo ancora decidere quale gomma userò e il warm-up sarà decisivo».