18 ottobre 2018
Aggiornato 10:45

Aragon, il sigillo di Marquez. Battuti Dovizioso e Iannone. Rossi è 8°

Aragon MotoGP, il sigillo di Marquez. Battuti Dovizioso e Iannone. Rossi è 8°. Migliorano tutti tranne noi
Marc Marquez
Marc Marquez (ANSA)

ARAGON - Il sigillo di Marc Marquez sul mondiale di MotoGp. Lo spagnolo della Honda ha conquistato il Gp di Aragon, quattordicesima prova, su diciannove del motomondiale. Ma quel che più conta ha allungato ancora di più in testa al mondiale (+72 punti) diventando praticamente irraggiungibile a poche gare dalla fine del calendario mondiale. Con 67 vittorie, ora Marquez è sesto nella classifica all time dei pluri-vittoriosi, a -1 dai 68 successi di Lorenzo. Sul podio Andrea Dovizioso e Andrea Iannone con una super Suzuki. Una gara vibrante sin dall'avvio con il colpo di scena alla prima staccata: partito dalla pole, Lorenzo finisce a terra. Poi è stata tutta una battaglia tra Marquez e Dovizioso con sorpassi e controsorpassi in testa al Gran Premio. A meno quattro giri arriva l'attacco definitivo con lo spagnolo che supera Dovizioso e resiste a ogni tentativo di assalto. Alla fine rimonta anche di Valentino Rossi che chiude all'ottavo posto dopo la partenza dalla diciassettesima piazzola.

MARQUEZ - «Ero al massimo e mi son preso dei bei rischi. Volevo seguire Dovizioso in testa e siamo riusciti a dare vita ad una battaglia memorabile». Marc Marquez commenta così il successo nel Gp di Aragon, quattordicesima prova (su 19) del motomondiale. «Oggi mi sono svegliato, ieri dopo la caduta ho detto dai, oggi mi sono svegliato e ho detto prendo un rischio, ho preso un rischio in warm up e anche mettendo la gomma, provo di fare 10 giri dietro Dovi e poi vediamo cosa succede e quando ho visto che era là ho detto dai ci proviamo», ha dichiarato lo spagnolo ai microfoni Sky. Epica la battaglia con Dovizioso: «Quando Dovi mi ha superato sono andato all'esterno sul green, quando vai fuori di quella linea giusta è rischioso, si scivola tantissimo, io sono quasi caduto e Lorenzo è caduto. Quando Dovi mi ha superato sono andato all'esterno sul green, quando vai fuori di quella linea giusta è rischioso, si scivola tantissimo, io sono quasi caduto e Lorenzo è caduto».

DOVIZIOSO - «Sono davvero contento del secondo posto. È un grandissimo risultato ed è una sorpresa vedere che ogni volta riusciamo a combattere alla pari con Marquez». Andrea Dovizioso commenta così il secondo posto al Gran Premio di Aragon, quattordicesima tappa del Mondiale 2018 della MotoGP. «Ogni volta che veniamo ad Aragon lottiamo e combattiamo tanto - ha dichiarato Dovizioso nel post gara - Abbiamo fatto tantissimo lavoro per poter arrivare pronti in questa seconda parte di stagione e continueremo a combattere per la vittoria. Questo è un bene per il nostro futuro».

Valentino Rossi a centro gruppo
Valentino Rossi a centro gruppo (ANSA)

ROSSI - «Questo è il nostro potenziale al momento. Considerando che sono caduti Lorenzo, Crutchlow e anche Bautista probabilmente avremmo fatto fatica a entrare nei primi 10. E questo è abbastanza preoccupante». Lo ha detto Valentino Rossi ai microfoni di Sky Sport commentando l'ottavo posto raccolto nel GP d'Aragon. «Non è difficile lavorare, ma bisogna fare le cose giuste. Siamo in difficoltà, dalla Ducati c'è un secondo e mezzo a giro di distacco, un'enormità. La moto è questa da un po' di tempo e questa è la cosa più preoccupante, invece gli altri hanno fatto un grande step. La Suzuki, la Honda, la Ducati e oggi è andata forte anche l'Aprilia».