12 dicembre 2019
Aggiornato 09:00

Il corteggiatissimo Johann Zarco sceglie la Ktm

Il 27enne pilota francese, rivelazione della classe regina, era inseguito anche dalla Suzuki e dalla Honda, ma ha preferito la casa austriaca dove sarà il leader

Johann Zarco
Johann Zarco Michelin

JEREZ DE LA FRONTERA – È la Ktm ad aggiudicarsi il contratto per la prossima stagione con Johann Zarco, giovane rivelazione e uno dei piloti più corteggiati della MotoGP. A seguirlo, infatti, c'erano anche Suzuki e Honda, ma l'attuale portacolori della Tech3 ha deciso di seguire la sua squadra, che dall'anno prossimo passerà alle moto satellite austriache. In più, quella di Mattighofen era l'unica destinazione ufficiale in cui il 27enne francese si sarebbe potuto assicurare un posto da leader: al suo fianco, infatti, correrà il riconfermato Pol Espargaro.

Punta sulla crescita
Una decisione che ha una sua logica, dunque, quella di Zarco, ma anche coraggiosa: Johann ha infatti dimostrato di credere nei progressi tecnici della moto, che attualmente non è andata oltre un undicesimo posto. «Abbiamo sempre mantenuto buoni contatti con Johann fin dai tempi della Rookies Cup – commenta il direttore del team Pit Beirer – Abbiamo sostenuto il suo progetto in Moto2 con la Wp e il nostro team manager in Moto3, Aki Ajo, è un suo buon amico. E abbiamo anche un buon rapporto con il suo manager Laurent Fellon. Ci è voluto un impegno di gruppo per riuscirci: ci siamo dovuti fidare della nostra capacità di costruire una moto vincente e Johann non sarebbe venuto da noi se non avesse visto e sentito questa fiducia. Ora sentiamo una grande responsabilità di rafforzare quel pacchetto in modo che lui possa continuare al suo attuale livello: questo è il nostro primo obiettivo. È anche chiaro che vogliamo fare un altro passo in avanti in MotoGP, dopo aver gettato le fondamenta del progetto nei primi due anni. Si cerca sempre di portare a bordo i migliori piloti possibili ed è chiaro che Johann, che con una moto satellite è riuscito a battere i piloti ufficiali e a qualificarsi costantemente in prima fila, sia un lottatore con uno spirito forte. Sono convinto che con lui potremo raggiungere il livello successivo».