20 settembre 2019
Aggiornato 18:30

Che Ducati: Dovizioso è l'uomo da battere, ma Petrucci è a un soffio!

Come da previsioni la Desmosedici GP18 si conferma la moto più competitiva a Losail: «Non avevo dubbi», confessa Desmodovi. Petrux a soli 6 millesimi

DOHA – Andrea Dovizioso ha chiuso al primo posto la giornata di apertura del campionato mondiale MotoGP 2018, sul circuito di Losail in Qatar. Il pilota italiano della Ducati, che aveva già terminato in prima posizione la prima sessione di prove libere del primo pomeriggio, si è ripetuto nella sessione serale facendo segnare il tempo di 1:54.361 davanti a Danilo Petrucci, secondo a sei millesimi con la Desmosedici GP18 del team Pramac. «Chiudere al primo posto entrambe le sessioni del venerdì del primo GP della stagione fa sempre molto piacere! – esclama Desmodovi – Oggi siamo andati davvero bene ma su questa pista non avevo tanti dubbi. Adesso però dobbiamo continuare a lavorare, anche perché abbiamo trovato delle condizioni abbastanza diverse da quelle dei test, e fa molto più caldo. Ci concentreremo sulla gestione del consumo gomme e su quei dettagli che fanno la differenza in una gara di 22 giri. Sono comunque molto contento del mio feeling generale con la Desmosedici GP18».

Petrucci alle calcagna
Dopo i risultati molto incoraggianti dei test, Petrux si conferma a suo agio con la sua Ducati sul circuito di Losail. Il pilota italiano è già veloce nelle prime libere disputate sotto il sole del Qatar e nelle seconde disputa un giro stellare chiudendo al secondo posto. «Sono molto soddisfatto per ciò che abbiamo fatto oggi – afferma Petrux – Durante i test abbiamo avuto delle sensazioni molto buone e sono felice di aver confermato quel feeling. La posizione è molto buona ma è chiaro che ancora non abbiamo fatto niente. Siamo tutti molto vicini e ci sarà da combattere domani».

Lorenzo è vicino
Quarto posto nella classifica odierna per Jorge Lorenzo, con il crono di 1:54.831. Nel primo turno di prove il pilota maiorchino aveva ottenuto il quinto miglior tempo. «Tutto sommato come primo giorno di prove non è andata male e sono abbastanza soddisfatto perché siamo riusciti a trovare un buon ritmo – commenta Por Fuera – Alla fine mi è mancato un giro esplosivo e per il momento Andrea e Danilo sono più veloci di me, però oggi le mie sensazioni sono state migliori di quelle che avevo durante i test. L’obiettivo per domani è lavorare su alcuni piccoli cambiamenti della moto che mi consentano ancora di migliorare, e sono fiducioso perché la mia progressione è stata comunque positiva».