27 giugno 2019
Aggiornato 05:00
MotoGP

La battuta di Marquez sul rinnovo di Valentino Rossi: «Felice anche io»

Anche l'arcirivale del Dottore dice la sua sull'annuncio che il fenomeno di Tavullia correrà per altri due anni in MotoGP: «Ci scontriamo con una leggenda»

Marc Marquez nella conferenza stampa del giovedì in Qatar
Marc Marquez nella conferenza stampa del giovedì in Qatar ( Michelin )

DOHA – Perfino l'arcirivale di Valentino Rossi, Marc Marquez, si dice contento del rinnovo del Dottore: «È impressionante il modo con cui riesce ancora a trovare la motivazione, nonostante lui sappia che la MotoGP è molto impegnativa – ha dichiarato il campione del mondo in carica – Gli faccio le mie congratulazioni, sono contento perché continueremo a correre contro una leggenda e a cercare di imparare altre cose da lui». Che si tratti di vera ammirazione o di semplici dichiarazioni di circostanza, alla luce di un rapporto tra i due ormai incrinato dai ben noti precedenti, difficile dirlo...

Fedeltà a Tokyo
Quel che è certo è che anche il Cabroncito ha seguito, con qualche settimana di anticipo, la stessa strada del fenomeno di Tavullia, prolungando per altri due anni il suo accordo con la Honda, a dispetto delle sirene che lo corteggiavano da altre squadre, Ktm in testa. «Io e la Honda ci siamo trovati d'accordo – ha spiegato il sei volte iridato – Con loro sono molto contento, ho atteso solo l'inizio del pre-campionato, ma poi ho capito subito che avevamo cominciato con il piede giusto, che la moto funzionava bene. Sono molto contento, in particolare mi sento importante all'interno dell'azienda Honda e questo è cruciale».

Partire in quarta
Ora, con la pratica del contratto ormai archiviata, Marquez può dedicarsi completamente alla stagione che sta per cominciare, in cui si ritroverà ancora una volta a difendere il titolo mondiale. Con l'obiettivo di partire meglio del 2017, quando nei primi sei Gran Premi collezionò solo una vittoria e due podi: «Aver già deciso il mio futuro mi ha dato un piccolo aiuto durante l'inverno perché mi sono tranquillizzato e mi sono potuto concentrare solo sulla pista. L'inizio è stato migliore dell'anno scorso, abbiamo una buona base. Ora vedremo, sappiamo che arriveranno delle piste difficili per noi e altre in cui potremo attaccare, ma questo dobbiamo comprenderlo. Durante questo pre-campionato ci siamo concentrati molto sul sul motore, ho provato molte soluzioni per migliorare. Nel corso della stagione, invece, penso che potremo ancora crescere un po' sul fronte del telaio e dell'elettronica. Chi è favorito per il titolo? Impossibile dirlo, siamo tutti molto vicini».