20 luglio 2019
Aggiornato 03:30

Nasce l'Angel Nieto Team, nel nome del campione scomparso

Jorge Martinez ribattezza la scuderia che portava il suo soprannome, la Aspar, con quello del 13 volte iridato morto nell'agosto scorso dopo un incidente

ROMA – Il nome dello sfortunato quanto indimenticato campionissimo Angel Nieto tornerà sulle piste del Motomondiale nella stagione 2018. Lo farà sulle moto della squadra spagnola fino ad oggi nota con il marchio di Aspar, in onore del soprannome del fondatore e proprietario Jorge Martinez, quattro volte campione del mondo. Lo stesso boss, infatti, ha annunciato oggi la sua decisione di omaggiare il tredici volte iridato (o 12+1, come amava dire lui per scaramanzia), scomparso lo scorso 8 agosto per colpa delle lesioni cerebrali riportate in un incidente sul quad a Ibiza, ribattezzando la sua scuderia Angel Nieto Team. «Angel Nieto è sinonimo di motociclismo, uno sport a cui ha dato molto e che gli ha restituito altrettanto – ha spiegato Martinez – Le moto sono quello che sono in Spagna grazie a quest'uomo che ha poggiato la prima pietra, e che vogliamo ricordare dando un nuovo nome alla nostra squadra. Angel ha aiutato molte persone, me tra gli altri, ed ha rappresentato una parte importante della mia vita. Lui è il motivo per il quale così tanti spagnoli, tra i quali io e i suoi figli, hanno voluto dedicate le loro vite ai motori e sono diventati campioni grazie a questa passione. È merito suo se abbiamo i migliori tifosi al mondo. Angel vivrà per sempre, non lascerà mai i nostri cuori e con questo gesto sarà ancor più presente, se possibile, nelle nostre menti, continuando a tenere viva la fiamma della sua passione per questo sport e a produrre campioni».

Tutto in famiglia
Non si tratterà però solo di un cambio di nome: a rafforzare il legame con la famiglia Nieto arriverà anche il figlio Gelete, come nuovo team principal: «Angel si fidò di me per fargli muovere i primi passi nelle corse, dicendomi: 'So che con te imparerà' – ha proseguito Aspar – Poter proseguire questo progetto, che lo entusiasmava molto, nelle mani del suo figlio maggiore, che è stato uno dei primi a correre con la mia squadra, mi rende enormemente orgoglioso». Gelete Nieto corse infatti con questi colori tra il 1993 e il 1997, conquistando una vittoria nel campionato europeo a Barcellona, una in quello spagnolo a Jerez e ventotto apparizioni nei Gran Premi. «Con Jorge Martinez ho iniziato a correre e lui mi ha portato sul gradino più alto del podio – spiega il neo team principal – Lui è sempre stato una persona importante per la nostra famiglia e al suo fianco sto per iniziare un nuovo capitolo della mia vita professionale, in una squadra che porterà il nome di mio padre. Il 2016 era la sua cinquantesima stagione nel Mondiale e sono sicuro che avrebbe voluto rimanere ancora più a lungo. Le moto erano il suo stile di vita e attraverso questo team faremo sì che rimanga in contatto con la sua grande passione». L'Angel Nieto Team correrà in MotoGP con due Ducati affidate alla coppia formata dai riconfermati Alvaro Bautista e Karel Abraham e in Moto3 con le due Ktm di Albert Arenas e del nostro Andrea Migno. In queste categorie si ritroverà inoltre a sfidare altri due membri della famiglia Nieto: il fratello di Gelete, Pablo, team manager dello Sky Racing Team Vr46 di Valentino Rossi, e il nipote di Angel, Fonsi, nuovo coach dei piloti della Pramac.