15 ottobre 2019
Aggiornato 23:00

Primo match point per Jonathan Rea e la Kawasaki

Terzultimo appuntamento della stagione iridata delle derivate di serie in Francia: il dominatore della serie ha 120 punti di vantaggio quando da assegnare ne restano 150, dunque in questo fine settimana ha già l'occasione di chiudere anticipatamente e matematicamente il campionato

Jonathan Rea spruzza lo champagne sul podio
Jonathan Rea spruzza lo champagne sul podio Pirelli

NEVERS – Da venerdì 29 settembre a domenica 1° ottobre 2017 il campionato mondiale Superbike farà tappa al Circuit de Nevers Magny-Cours per il terzultimo appuntamento della stagione. Con sei gare ancora da disputare e 150 punti in palio Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team), che ora guida la classifica generale con 120 punti di vantaggio sul compagno di squadra Tom Sykes e 135 sul ducatista Chaz Davies, potrebbe chiudere il campionato con due round di anticipo. Anche nella classifica costruttori, Kawasaki si presenta a Magny-Cours con 70 punti di vantaggio su Ducati.

Le altre categorie
Tutto ancora da decidere invece nelle altre classi. Nel Mondiale Supersport, con 75 punti ancora in palio, Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing) guida la classifica generale con soli 4 punti di vantaggio sul francese Lucas Mahias e 31 sul sudafricano Sheridan Morais, entrambi in sella a Yamaha. Nella classifica costruttori la casa di Iwata ha però un vantaggio di nove punti su quella di Akashi. Ancora più combattuta la Supersport 300 che vede potenzialmente in lotta per il titolo ancora otto piloti anche se ad avere le maggiori possibilità di vittoria sono l’italiano Alfonso Coppola (Sk Racing), che guida la classifica con un punto di vantaggio sullo spagnolo Marc García, 18 sull’olandese Scott Deroue e 19 su Mika Perez. Anche in questo caso Yamaha precede Kawasaki in classifica generale con 39 punti di vantaggio. Nel campionato europeo Superstock 1000 è battaglia tra l’attuale leader di campionato Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing - Junior Team) e il turco della Kawasaki Toprak Razgatlioglu, con il francese Florian Marino che segue a 22 punti di distacco dal primo. In questo caso a guidare la classifica costruttori è Ducati con un vantaggio di 10 punti su Kawasaki e 11 su Yamaha.

Pista e gomme
Il tracciato di Nevers Magny-Cours è lungo 4411 metri, con nove curve a sinistra e otto a destra e un rettilineo d’arrivo che misura 250 metri. La pendenza massima in salita è del 2,38%, mentre in discesa del 2,68% con un raggio di curvatura minimo di cinque metri e massimo di 474,45 metri. Il pilota in pole position partirà dal lato destro della pista. Per questa tappa Pirelli, sia per la classe Sbk che per la Ssp, conferma sostanzialmente le soluzioni da asciutto già viste in azione nei precedenti round di Laguna Seca, Lausitzring e Portimão. Considerate le possibilità di pioggia tipiche della zona in questo periodo dell’anno, Pirelli ha deciso di affiancare ai normali pneumatici anteriori da pioggia di gamma, una nuova soluzione di sviluppo che potrebbe svolgere un ruolo chiave nel caso il fine settimana fosse caratterizzato da maltempo.

Rea in azione in sella alla sua Kawasaki
Rea in azione in sella alla sua Kawasaki (Pirelli)