27 luglio 2021
Aggiornato 07:30
Calciomercato Milan

Fassone e Mirabelli: missione in Germania per il nuovo Milan

Secondo Sky Sport la nuova task force di mercato rossonera è in partenza per la Germania per mettere a punto alcune trattative per giugno. Sulla lista di Fassone e Mirabelli il centrocampista Kramer e il terzino bosniaco, seguito anche dalla Juve, Kolasinac.

MILANO - Il closing rimandato per l’ennesima volta ha indubbiamente complicato i piani del nuovo apparato dirigenziale dell’Ac Milan, ma Fassone e Mirabelli, rispettivamente futuro amministratore delegato Fassone e prossimo direttore sportivo del club di via Aldo Rossi continuano a lavorare alacremente alla costruzione della nuova squadra da mettere a disposizione di Vincenzo Montella.

Kramer primo della lista

Secondo quanto riportato da Sky Sport, i due sarebbero in partenza per un’importantissima missione in Germania dove la nuova task force di mercato rossonera potrebbe tessere rapporti fondamentali per il mercato di giugno. Sul taccuino dei due dirigenti pare sia segnato con un circoletto rosso il nome di Christoph Kramer, centrocampista del Borussia Mönchengladbach e della Nazionale tedesca con cui si è laureato campione del mondo nel 2014. Il centrale nativo di Solingen è ancora relativamente giovane (classe 1991) e rappresenterebbe una preziosa alternativa al baby regista del Milan Manuel Locatelli. La quotazione del ragazzo è sui 12-15 milioni di euro.

Sfida alla Juve

Ma c’è anche un altro nome su cui sembrano concentrarsi le attenzioni di Fassone e Mirabelli. Come già anticipato qualche giorno fa, nel mirino del nuovo Milan ci sarebbe anche il mancino bosniaco Sead Kolasinac, dato praticamente per juventino, ma invece ancora ben lontano dalle firme con il club bianconero. A maggior ragione dopo le dichiarazioni del direttore sportivo dello Schalke 04 Christian Heidl, che ha rispedito al mittente ogni ipotesi di trasferimento a gennaio: «Non è cambiato niente rispetto a qualche giorno fa. Lui è un giocatore sotto contratto con noi fino a giugno, non c’è altro da aggiungere. Assolutamente non andrà via a gennaio, noi vogliamo tenerlo. Io non ho parlato con la Juve, non so se hanno contattato direttamente il giocatore, ma la nostra posizione è abbastanza chiara».

In questa situazione di confusione contrattuale a questo punto potrebbe inserirsi nuovamente il Milan, con un’offerta per giugno che avrebbe il gradimento del calciatore e naturalmente non troverebbe opposizione dal club tedesco in cui milita oggi.