21 novembre 2019
Aggiornato 03:30

Aprilia tiene botta anche sul bagnato: ancora un settimo posto

Una buona gara per la casa di Noale a Sepang: Alvaro Bautista conferma la posizione già ottenuta due domeniche fa in Giappone: «Un buon risultato». Stefan Bradl rallentato da una scivolata

Alvaro Bautista in lotta con Aleix Espargaro a Sepang
Alvaro Bautista in lotta con Aleix Espargaro a Sepang

SEPANG – La domenica di Sepang ha riservato l'ennesimo cambio di scenario dopo la variabilità meteo emersa durante tutto il weekend. La gara MotoGP, ritardata di 20 minuti a causa della pesante pioggia caduta sul tracciato malese, ha imposto a piloti e team una dose aggiuntiva di concentrazione.‬ Alvaro Bautista è stato bravo a gestire la sua Aprilia RS-GP nelle prime fasi di gara, nelle quali la mancanza di grip non gli ha permesso di esprimersi come fatto vedere durante le prove, quando aveva guadagnato la terza fila di partenza. Quattordicesimo al primo passaggio, la progressione del pilota spagnolo lo ha portato nei giri seguenti a sorpassare Smith, Pol e Aleix Espargaró e Miller, installandosi al nono posto. Le defezioni di Marquez e Iannone hanno poi decretato la sua settima posizione finale, un bel risultato che eguaglia quello ottenuto in Giappone due settimane fa a conferma dei progressi realizzati dalla RS-GP nella seconda parte della stagione.‬ «Il settimo posto è un buon risultato, arrivato alla fine di un weekend sicuramente positivo – commenta Bautista – Abbiamo mostrato buone prestazioni in tutte le prove, conquistando anche la mia migliore posizione di partenza con Aprilia. In gara però abbiamo trovato condizioni molto diverse rispetto al resto delle sessioni, c'era molta più acqua quindi il feeling con la moto non era lo stesso. Ho controllato la situazione nei primi giri, stando attento a non commettere errori e cercando di ottenere il massimo possibile. Abbiamo visto molte cadute, la pista non era per niente facile, considerando anche che le sensazioni in sella non erano le migliori possiamo essere soddisfatti del risultato e andare a Valencia per chiudere bene questa stagione».‬

Bradl scivola
Gara compromessa da una caduta per Stefan Bradl, scivolato nel corso del decimo giro e ripartito. Nonostante un buon recupero sui piloti che lo precedevano, il pilota dell'Aprilia si è dovuto accontentare del diciassettesimo posto. «Un weekend non facile per noi – spiega il tedesco – A causa del meteo variabile e avendo qualche componente nuovo da provare non siamo riusciti a preparare al meglio la gara. A questo si è aggiunta una scivolata, dopo la quale sono riuscito a tornare in pista ma perdendo tempo e posizioni. Sono dispiaciuto, non ci resta che tornare a casa e puntare ad un buon risultato nell'ultima gara di Valencia».

Le parole dei boss
Il commento finale spetta al responsabile di Aprilia Racing, Romano Albesiano: «Abbiamo attraversato un weekend molto interessante, nel quale abbiamo mostrato competitività crescente anche grazie alla nuova specifica di motore, che ci ha fatto fare un passo in avanti in termini di velocità di punta. Alvaro in particolare ha occupato durante tutte le prove posizioni nella top 10, sia sull'asciutto che sul bagnato. La gara è stata particolare per le condizioni, credo che sia necessario fare uno step a livello di ciclistica ed elettronica nel caso di pista molto bagnata ma questo fa parte del processo di crescita di questa prima stagione. Mi spiace per Stefan, che nel warm up aveva dato ottimi segnali, ma in gare come questa la scivolata fa parte del gioco». Gli fa eco il team manager Fausto Gresini: «Il risultato centrato da Bautista è veramente buono, nonostante i primi giri della gara siano stati un po’ difficili: Alvaro però è stato bravo a non commettere errori e in seguito, da metà gara in poi, è stato molto costante, risalendo bene. Ormai i due o tre piloti davanti a lui avevano già guadagnato un po’ di margine, e quindi non è stato possibile raggiungerli, ma Alvaro oggi aveva la velocità per poter lottare con loro. Va comunque bene così: le novità portate qui da Aprilia ci hanno fatto fare un altro passo in avanti e lo si è visto nell’arco di tutto il fine settimana, è una bella iniezione di fiducia per il futuro. Mi dispiace per la scivolata di Stefan, anche lui stava facendo una discreta gara, confermando i progressi compiuti di recente».