25 febbraio 2021
Aggiornato 14:30
Calciomercato

Milan, con l’addio a Musacchio sfuma l'ultimo obiettivo

Ormai non c’è più alcuna speranza di vedere ai nastri di partenza del prossimo campionato di serie A un Milan competitivo. La proposta di Galliani al Villarreal di un prestito con diritto di riscatto per Musacchio è stata sonoramente bocciata e anche Montella non ci crede più.

MILANO «Ogni squadra è migliorabile. Vale per le altre, come la Juve che dopo 5 scudetti di fila ancora si è rinforzata, e vale anche per noi. Con il Sig. Galliani siamo molto in sintonia, sappiamo quanto ci serve, abbiamo le idee chiare». Sono le parole pronunciate da Vincenzo Montella, probabilmente prima che rimbalzasse anche negli Stati Uniti - dove stanotte il Milan affronterà il Chelsea di Conte per la terza giornata dell’International Champions Cup - la notizia del rifiuto netto del Villarreal alla proposta di Galliani di un prestito con diritto di riscatto per Mateo Musacchio.

Proposta indecente
Anche stavolta il coraggioso amministratore delegato ci ha provato, con tutta la faccia tosta del caso. Perché presentarsi a casa di Fernando Roig, presidente del Sottomarino Giallo, con una proposta del genere, dopo aver bloccato per settimane il difensore argentino sa quasi di provocazione. Ma tant’è, il mercato del Milan è questo e Galliani può fare ben poco se non mendicare qualche prestito o qualche parametro zero qua e là in giro per l’Europa.

Ennesimo obiettivo sfumato
E così dopo Pjaca, Zielinski, Milik etc. etc., l’ennesimo obiettivo di mercato del Milan sfuma nel caldo torrido di questa opprimente estate. Chissà cosa ne penserà il neo allenatore rossonero, se ancora fiducioso in un colpo di coda della società oppure ormai rassegnato a dover fare le classiche nozze con i fichi secchi. Una cosa è certa, una campagna acquisti tanto disastrosa da queste parti non si vedeva da decenni e le prospettive per i tifosi milanisti sono sempre più cupe.