26 maggio 2020
Aggiornato 15:00
Calcio

Tuttosport rilancia: "I cinesi porteranno Rudi Garcia al Milan"

Secondo il quotidiano torinese sarà l'ex allenatore della Roma il prossimo tecnico rossonero. Col francese sono pronti ad arrivare anche Gervinho e Benatia

TORINO - Deve ancora terminare la stagione 2015-2016 con la finale di Coppa Italia contro la Juventus, ma per il Milan è già tempo di pensare alla prossima. La questione societaria tiene banco su tutto, coi cinesi in rampa di lancio per sostituire Silvio Berlusconi al timone del club milanese e con Cristian Brocchi tutt'altro che sicuro di conservare il suo posto in panchina. Il quotidiano sportivo Tuttosport azzarda uno scenario completamente nuovo per il Milan del futuro: "L'idea dei cinesi - scrive il giornale torinese - è quella di mettere in panchina Rudi Garcia che alla cordata asiatica piace molto. L'ex allenatore della Roma, poi, porterebbe con sè a Milanello tre suoi fedelissimi: il difensore marocchino Mehdi Benatia (che ha allenato ai tempi romanisti), il pupillo Gervinho (che oggi gioca proprio in Cina) e Rio Mavuba». Dei nomi fatti da Tuttosport, il solo Benatia convince l'ambiente milanista: il marocchino è un difensore di qualità, personalità, prestanza fisica e carisma, oltre a conoscere bene il campionato italiano e a poter formare con Romagnoli una coppia di stopper altamente affidabile (magari con l'aggiunta di due terzini degni di questo nome). Chiuso al Bayern Monaco, Benatia non disdegnerebbe un ritorno in Italia, certo non in questo Milan, ma in una formazione pronta al rilancio. Gervinho, invece, non scalda i cuori rossoneri, soprattutto perchè ha più volte dimostrato di essere un calciatore incostante, a tratti imprendibile ma a tratti irritante per svogliatezza; il rapporto dell'ivoriano con Rudi Garcia potrebbe agevolare l'inserimento in rossonero, ma le incognite rimarrebbero comunque parecchie. Infine Mavuba, centrocampista e capitano del Lille da quasi dieci anni e che con Garcia ha vinto lo scudetto in Francia nel 2011; esperienza e forza fisica, un acquisto che garantirebbe al Milan quella sostanza che a centrocampo non esiste ormai più. Ipotesi, progetti, chissà, intanto sono trascorsi già dieci giorni dal mandato di eslcusiva per la cessione del Milan e ancora tutto tace; ancora qualche settimana e il tanto sperato e paventato cambio di proprietà potrebbe prendere forma, nonostante la terrificante ipotesi di un ripensamento di un Berlusconi che come presidente ha detto ormai tutto ciò che poteva. 

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal