18 gennaio 2020
Aggiornato 11:00
Quinto successo per Zanardi

Maratona di Roma, si impone il keniano Kipruto

Oltre 14.000 runners al via, in 50.000 alla Roma Fun Run. Alex Zanardi, il 49enne bolognese ex pilota e ora atleta paralimpico, con la sua handbike ha centrato il quinto successo a Roma con un tempo stratosferico, 1:09.15

ROMA - la più prestigiosa maratona italiana, la 42 chilometri romana, si conclude con la vittoria di un keniota e un'etiope. Sono ancora Kenya e Etiopia a trionfare alla 22esima Maratona di Roma, ma il primo sigillo della giornata è tutto italiano e ha il sapore dell'impresa storica. Alex Zanardi, il 49enne bolognese ex pilota e ora atleta paralimpico, con la sua handbike ha centrato il quinto successo a Roma (2010, 2012, 2013 e 2014 gli altri) con un tempo stratosferico, 1:09.15, polverizzando il precedente record che già gli apparteneva (1:11.46 nel 2012). La Maratona oggi, in via dei Fori Imperiali, ha visto al via oltre 14.000 runners provenienti da 115 nazioni e circa 50.000 partecipanti alla Roma Fun Run di 4 chilometri.

Trionfa Amos Kipruto
A vincere la gara maschile è stato l'esordiente keniano Amos Kipruto, 23 anni, con il tempo di 2:08:12, il miglior risultato dell'anno sulla maratona in Italia e il settimo di sempre sul traguardo di via dei Fori Imperiali. Tra le donne si è imposta la 22enne etiope Rahma Tusa, che ha tagliato il traguardo in 2:28:49. I maratoneti hanno ricevuto anche il saluto di Papa Francesco, che al termine della recita dell'Angelus in piazza San Pietro, si è rivolto agli atleti che sono passati lì poco prima di metà gara: «Saluto tutti i partecipanti alla Maratona», è stato l'augurio speciale del Papa. 

«Volevo essere qui a Roma»
«La gara - ha detto il vincitore keniano Kipruto - ha avuto un ottimo ritmo fino al 32° km, poi io ho provato ad allungare e mi è andata bene. Ero ben preparato, sapevo di poter puntare alla vittoria. Dedico la vittoria a mia moglie, che anche questa mattina mi ha chiamato dal Kenya per incitarmi, e ai miei due gemellini, che hanno appena otto mesi. Quando torno a casa farò loro un bel regalo. Il percorso è bellissimo, avevo la possibilità di andare a correre altre maratone, ma volevo essere qui a Roma».

La vittoria di Tusa
«Il mio obiettivo era migliorarmi e salire sul podio, dunque sono contentissima della vittoria. Mi sentivo bene e ci ho provato. I soldi del premio? Li metterò da parte per comprarmi una casa», ha commentato Tusa. Anche Alex Zanardi si è detto «molto felice della gara, un tempo eccezionale su un percorso straordinario che conosco a memoria lo considero un obiettivo raggiungibile. Sono arrivato in ottima forma, un tempo così mi fa ben sperare per le Paralimpiadi. A Rio non avrò rivali? Beh, correrò su un percorso che non conosco e contro tanti validi avversari. Certo però dopo il risultato di oggi ho buone sensazioni».