20 novembre 2019
Aggiornato 20:30

Eranio: «L'assenza di Montolivo è pesantissima per il Milan»

L'ex centrocampista rossonero lancia l'allarme in viste delle prossima partite che la squadra di Mihajlovic dovrà affrontare senza il suo capitano.

GENOVA - La fase cruciale della stagione è arrivata: il Milan si gioca l'accesso alle prossime competizioni europee nelle gare che verranno da qui ad un mese. Se sarà terzo posto (e quindi spareggio per la Coppa dei Campioni) oppure Coppa Uefa (molto più probabile), lo dirà il campo, a partire dalla sfida di domenica pomeriggio (ore 15) a Reggio Emilio contro il Sassuolo che è settimo in classifica, un gradino sotto i rossoneri, e con 6 punti di ritardo dalla squadra di Mihajlovic. Chiaro che, in caso di successo contro gli emiliani, il Milan darebbe una spallata decisiva alle rivali per il sesto posto e, finale di Coppa Italia a parte, staccherebbe al 99% il pass per tornare a giocare le coppe dopo due anni di assenza. Ma Mihajlovic, oltre che col Sassuolo che in casa ha battuto il Milan due volte su due negli unici precedenti in serie A fra neroverdi e rossonero, dovrà fare i conti con le assenze: ad Abate squalificato e Niang fuori causa per il resto della stagione, si è aggiunto infatti anche l'infortunio di Riccardo Montolivo che a Reggio Emilia farà lo spettatore e che rischia di restare fermo ai box per qualche altra partita.

Problemi tattici
L'infortunio del capitano rossonero è pesante, perchè Montolivo è l'unico calciatore nell'organico milanista ad avere le caratteristiche di regista e uomo d'ordine in mezzo al campo. Ne traccia un quadro preciso Stefano Eranio, ex centrocampista del Milan dal 1992 al 1997, che afferma preoccupato: «Non ci voleva questo infortunio di Montolivo, sarà un'assenza non da poco in quanto l'ex fiorentino è l'unico elemento del Milan a saper dettare i ritmi del gioco, oltre a essere cresciuto molto nella fase di interdizione, oggi recupera molti più palloni rispetto al passato. Il pubblico milanista non lo ama, ma è una pedina importantissima per Mihajlovic». Appena un paio di mesi fa, Montolivo usciva subissato dagli ingiuriosi fischi di una tifoseria sull'orlo di una crisi di nervi, ora anche il rapporto fra i sostenitori rossoneri e il capitano della squadra è migliorato, Montolivo ha fornito ottime prestazioni sfiorando anche il gol nella sfortunata gara casalinga contro l'Udinese. Recuperarlo il prima possibile è di fondamentale importanza nella rincorsa all'Europa.