26 maggio 2020
Aggiornato 06:00
Piloti italiani

Una terza Ducati in pista nel GP di Misano

Sarà affidata alla wild card Michele Pirro, collaudatore ufficiale della rossa di Borgo Panigale, che potrà correre la gara di casa a fianco di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone. Prima di tornare nel Mondiale Superbike

MISANO – Tutto è pronto sul circuito di Misano Adriatico, intitolato allo sfortunato Marco Simoncelli, per una nuova edizione del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini di MotoGP. Uno dei Gran Premi di casa non solo per la nostra nutrita pattuglia di piloti italiani, da Valentino Rossi alla rivelazione Danilo Petrucci, reduce dallo strepitoso secondo posto in Gran Bretagna. A sentire aria familiare sarà anche la Ducati, che ha la sede a pochi chilometri dalla pista romagnola, a Borgo Panigale. Per onorare al meglio l’occasione, dunque, la rossa ha deciso di schierare una terza moto, affidandola alla wild card Michele Pirro.

Con i grandi
Il pilota di San Giovanni Rotondo, collaudatore ufficiale della casa italiana, disputerà la gara con la terza Desmosedici GP15 ufficiale, al fianco dei consueti portacolori Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, anch’egli protagonista di un esaltante podio nel GP di Silverstone. Per lui, abituato a lunghe, noiose ma utilissime sessioni di prove, poter tornare in pista a lottare con i grandi sarà un’opportunità straordinaria: «Sono molto felice di tornare in gara con la Ducati MotoGP – commenta – e farlo sul circuito Marco Simoncelli di Misano è un emozione che sento particolarmente. Sarà un Gran Premio in cui dovrò riprendere gli automatismi e i ritmi di gara che nella MotoGP attuale sono elevatissimi. Torno in gara con la GP15 dopo il Gran Premio d’Italia del Mugello dopo aver svolto molti test in cui siamo riusciti ad approfondire molte aree della moto. Sono fiducioso e voglio dare il massimo e ottenere un risultato all’altezza dell’ottimo potenziale della GP15. I miei riferimenti saranno le altre Ducati in gara che nell’ultimo Gran Premio sono salite sul podio a conferma della competitività della nostra moto».

E in Superbike...
Quelle che attendono Michele Pirro saranno comunque settimane impegnative non solo in MotoGP. Il test rider avrà infatti l’occasione di rientrare a tempo pieno nel Mondiale Superbike (dove aveva già corso, sempre come wild card, nella gara di casa) sostituendo l’infortunato Davide Giugliano nel team ufficiale. «Sarò anche impegnato nel mondiale Superbike in sostituzione di Davide Giugliano, nel Gran Premio di Spagna a Jerez, il weekend successivo – prosegue – Dovrò adattare il modo di guidare ad una moto diversa con pneumatici diversi. Anche in Superbike, Ducati ha dimostrato di essere competitiva con Chaz Davies, quindi il mio riferimento sarà lui. Ringrazio Ducati e gli sponsors per la fiducia e tutti i tifosi per il supporto… daremo il massimo!». Niente male, per un collaudatore!

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal