20 gennaio 2022
Aggiornato 20:00
Calcio

Nesta: «Il problema del Milan non è l’allenatore»

Sul momento dei rossoneri interviene anche il grande ex, convinto che i guai del club milanese derivino dall’alto: «Mancano gli investimenti e i programmi dei tempi d’oro, senza giocatori all’altezza si fa poca strada»

MILANO - Intervenendo al Corriere dello Sport, Alessandro Nesta, ex baluardo difensivo del Milan di Ancelotti e poi di Allegri, fa il punto sul complicato momento che sta vivendo la sua vecchia squadra: «Leggo da più parti che il problema del Milan sia Inzaghi - afferma l’ex centrale di Lazio, Milan e Nazionale italiana - ma io ritengo che la situazione si sia aggravata per altro. Mancano gli investimenti e i programmi dei tempi d’oro, senza giocatori all’altezza si fa poca strada. Per l’allenatore, poi, partire subito con una big non è semplice, anzi, è altamente rischioso perché si è catapultati in un ambiente che ha sempre e solo vinto, la gente continua ad aspettarsi questo e senza il potenziale di una volta i rischi aumentano. Negli ultimi anni il Milan ha cambiato molti allenatori, nessuno dei quali è riuscito a fare bene, allora penso che il problema non nasca in panchina e si debbano analizzare le altre cause della situazione. Non c’è più la forza economica di un tempo, la società dovrebbe dirlo e i tifosi lo dovrebbero capire».