16 novembre 2019
Aggiornato 02:00

Pistorius, casa venduta

Il campione paralimpico sudafricano ha venduto, a un prezzo inferiore di quello auspicato, la casa di Pretoria dove uccise nel 2013 la fidanzata Reeva Steenkamp. Lo ha indicato l'agenzia immobiliare incaricata della compravendita.

JOHANNESBURG - Il campione paralimpico sudafricano Oscar Pistorius ha venduto, a un prezzo inferiore di quello auspicato, la casa di Pretoria dove uccise nel 2013 la fidanzata Reeva Steenkamp. Lo ha indicato l'agenzia immobiliare incaricata della compravendita.
L'atleta ha venduto la villa per quattro milioni e mezzo di rand (l'equivalente di circa 315mila euro) al consulente minerario Louwtjie Louwrens, come ha precisato l'agente Ansie Louw confermando informazioni di stampa. L'agente immobiliare, sposata con Ampie Louw, che allena 'Blade Runner', aveva dichiarato a marzo che sperava di vendere l'abitazione per cinque milioni di rand. «Non voglio però rilasciare ulteriori commenti», ha spiegato.

ZONA SICURA - La casa, che si trova nella periferia di Pretoria, «è in una zona sicura», ha sottolineato l'acquirente, intervistato dal quotidiano The Times. «E' rimasta sfitta per un anno e ci sono danni causati dalle infiltrazioni d'acqua che sarà necessario riparare». Il compratore ha spiegato che con ogni probabilità si trasferirà tra due anni, quando la moglie sarà andata in pensione.
A quattro milioni e mezzo, sottolineano gli esperti del settore, Louwrens sembra aver fatto un affare, visto che le case nella zona hanno solitamente stime ben superiori. Pistorius, che si è dichiarato non colpevole al processo per l'omicidio della fidanzata modella, aveva già cercato - invano - di vendere una prima volta la sua proprietà nel 2011, quando chiedeva sei milioni e mezzo di rand.