16 ottobre 2019
Aggiornato 02:00
(Video) Ginnastica da ufficio con il personal trainer

Esercizi da scrivania: come ridurre cervicalgia e contratture muscolari

Pochi minuti al giorno per dire addio a tensioni a collo e spalle e dolori alla zona lombare. Gli esercizi sono efficaci anche per migliorare la circolazione del sangue nelle gambe

http://rrr.sz.xlcdn.com/?account=diariodelweb&file=salute%2F20160202_salute_esercizi_scrivania.mp4&type=streaming&service=wowza&output=smil

È il destino dell’uomo moderno: stare ore e ore fermi davanti a un computer o una scrivania. Non è la tecnologia che ci ha portati a questo, è piuttosto la cultura che ci rende schiavi della nostra stessa conoscenza. Fino a poco più di mezzo secolo fa la sapienza stava nel riconoscere minuziosamente ogni segnale che la natura ci offriva ─ perché in un campo coltivato o nella salute di un animale era racchiusa la sorte di un uomo. Oggi sembriamo aver dimenticato tutto ciò e lavoriamo al di fuori di tutto il resto del Creato, e all’interno di un ambiente artificiale, come è artificiale il nostro stile di vita. Il poco movimento e l’alimentazione sempre più povera ci stanno portando ad avere «nuovi» problemi di salute. Tra questi ci sono anche le continue – e dolorose – contratture muscolari.

Gli esercizi da scrivania per ridurre cervicalgia e contratture muscolari
Per prima cosa si inizia dalla parte superiore del corpo. «Per sbloccare la tensione sui trapezi e sul collo, bisogna effettuare una circonduzione delle spalle. Si devono eseguire dei movimenti lenti e controllati cerando di ruotare in maniera più ampia possibile l’articolazione della spalla», spiega Alessandro Bovaro, dottore in scienze motorie e personal trainer a Torino. Anche per il collo è necessario eseguire un esercizio simile: «Si esegue una circonduzione della testa, trenta secondi in una direzione e trenta secondi in un'altra».

Esercizi per ridurre il dolore alla zona lombare
Stare seduti davanti a una scrivania non causa solo dolori a spalle e collo. In alcune persone la parte più contratta si manifesta a livello della zona lombare. «Se il problema riguarda la parte lombare si possono fare delle mobilizzazioni sfruttando la contrazione addominale creando una leggera curva sulla zona lombare e alternando con una contrazione lombare: retroversione e antiversione fatte in maniera lenta e controllata permettono di allentare la tensione che si può essere creata migliorando la circolazione e l’elasticità muscolare», conclude Bovaro. Questi ed altri semplici esercizi, puoi vederli nel video, spiegati direttamente dal personal trainer.