16 novembre 2018
Aggiornato 00:00

Per 9 anni fa credere alla moglie di avere il cancro. Ma i soldi per le cure li usa per andare in vacanza

Un uomo sposato da poco, fa credere alla moglie di avere un cancro, ma i soldi per le cure li usa per godersi la vita
Fa credere di avere il cancro ma usa i soldi per andare in vacanza
Fa credere di avere il cancro ma usa i soldi per andare in vacanza (icemanphotos | Shutterstock)

Non è di certo la prima volta che un marito mente alla propria moglie. Anzi, episodi di questo genere sono – purtroppo – all’ordine del giorno. Tuttavia, la storia che stiamo per raccontarvi parla di una bugia decisamente più insolita: far credere alla propria moglie di avere un cancro e poi farle pensare di essere allo stadio terminale. Lo scopo? Godersi la vita all’insaputa di tutti. Ora la moglie ha saputo tutta la verità ed è – chiaramente – furiosa. «Ha rubato troppi anni della mia vita».

L’incontro
David Carrol che, ora ha 35 anni, ha incontrato per la prima volta Lucy Witchard (31 anni) nell’anno 2006 e già allora gli ha fatto credere di essere affetto da leucemia. La donna è rimasta subito innamorata di lui e pochi anni dopo, nel 2011, si sono sposati. Durante il loro matrimonio David ha continuato a sostenere di essere malato. Oltre la leucemia, ha dichiarato di avere anche il cancro alla prostata e allo stomaco.

Stadio terminale
Nel 2015 David ha continuato a ingannare tutta la sua famiglia e ha coinvolto persino Linda Eccles, la suocera. Lei aveva già subito un lutto pochi anni prima e ora era venuta a conoscenza del fatto che con molta probabilità anche la figlia sarebbe rimasta vedova. Secondo le dichiarazioni di Carrol, infatti, a lui restavano sì e no cinque mesi di vita. Il motivo? Il cancro allo stomaco ormai era divenuto incurabile: era arrivato allo stadio finale. La donna, che provava pena per il genero, così gli ha donato duemila sterline per un trattamento negli Stati Uniti. «Nel 2015, Dave è venuto da me ed era molto turbato. Mi disse che gli erano stati concessi da 5 a 10 mesi di vita e che non c'erano altre cure disponibili per lui. Come avrei potuto non dare i soldi per aiutare il marito morente di mia figlia e impedire anche a mia figlia di diventare vedova. Ho dato a Dave 2.000 sterline per contribuire a trovare i fondi di cui aveva bisogno per recarsi in America e salvarsi», racconta Linda.

Niente sessioni di chemioterapia
In un’intervista alla BBC, la moglie ha raccontato che David non le permetteva di frequentare le sessioni di chemioterapia in ospedale diceva che la voleva proteggere da una simile sofferenza. Tuttavia, quando l’uomo si trovava negli Stati Uniti cominciarono a nascere i sospetti. Alla moglie vene il dubbio che suo marito si stesse facendo una vacanza piuttosto che una cura. «Si è fatto aiutare da un collega di lavoro per chiamarmi fingendo di essere il suo medico. Dopo quella telefonata sapevo che il nostro matrimonio era finito». Cosicché la moglie, al suo ritorno, ha cercato di affrontare il marito, ma lui ha continuato a fingere. «Quando gli facevo le domande sul suo trattamento ha minacciato di lasciarmi dicendo che il nostro rapporto non avrebbe potuto funzionare se non mi fossi fidata di lui», racconta Lucy. «Mi sentivo incredibilmente arrabbiata perché avevo capito che aveva rubato troppi anni della mia vita». La coppia divorziò poco tempo dopo.

Pianti e lacrime
Inutile dire che Lucy e la mamma si sono sentite terribilmente ingannate e ferite dal comportamento del marito. Martedì, il procuratore Ali Zaki ha dichiarato alla magistratura di Leicester che Carrol ha pianto diverse volte mentre si trovava sul banco degli imputati. «L'intero piano era di falsificare il cancro per ottenere i soldi. Carrol ha mentito sul fatto di avere un cancro che lo ha portato a ricevere un pagamento di 2000 sterline dalla signora Eccles. Poi è andato negli Stati Uniti». La signora Eccles, malata di sclerosi multipla, ha detto che «con il passare del tempo il catalogo delle bugie è aumentato. Dovevo essere forte per mia figlia, che era stata devastata dalle crudeli bugie che Dave le aveva detto per così tanto tempo. Mi sento addolorata dal fatto che gran parte dei soldi che il mio defunto marito Bernard mi aveva fornito erano stati spesi per le vacanze di Dave in America. Ha violato la nostra famiglia con le sue bugie, l'inganno e l'egoismo».

La difesa
Se da un lato era chiaro che David avesse commesso una frode anche nei confronti della suocera, il suo avvocato Gordon Hart, in difesa, ha dichiarato che il suo cliente era un uomo di buon carattere e soffriva di un disturbo di personalità al momento in cui ha commesso la frode. Nonostante ciò l’uomo è stato condannato. Il giudice distrettuale Sally Fudge ha condannato Carroll a 26 settimane di carcere, sospese per due anni. Gli ha anche ordinato di svolgere 180 ore di lavoro non retribuito.

Non per vile denaro
Hart ha dichiarato in tribunale che il suo cliente ha falsificato la malattia molte volte per tanti anni. Ma non lo faceva per ottenere un guadagno finanziario, piuttosto perché lo faceva star bene comportarsi così. Carrol, tuttavia, aveva persino falsificato la malattia durante una raccolta fondi per beneficienza. Ma secondo il suo avvocato non c’è nessun «segnale che faccia pensare che i soldi che ha raccolto per beneficenza in quel momento andarono da altre parti». Al momento l’uomo vive con la mamma malata. «Questo reato – spiega il giudice Fudge - attraversa chiaramente la soglia di custodia ma a me sembra che ci sia la prospettiva della riabilitazione. Hai fatto alcuni passi nella giusta direzione. Inoltre, hai una responsabilità nei confronti di tua madre che ha notevoli esigenze di salute. C'è un livello profondo di ferite che hai causato alla tua famiglia attraverso il tuo comportamento». Fudge dovrà rimborsare le 2.000 sterline con un minimo di £ 100 al mese. Inoltre, ha un ordine restrittivo che gli vieta di contattare sia moglie che suocera per almeno un anno. D’altro canto, Lucy ora si è nuovamente sposata con un altro uomo di nome Keith e sembra aver finalmente trovato la felicità.