19 agosto 2019
Aggiornato 02:30
Perdere peso

Vuoi perdere peso? Se cambi gli orari della colazione e della cena dimagrisci velocemente

Gli scienziati dell'Università del Surrey sembrano aver trovato un modo semplice e rapido per perdere peso: modificare gli orari della colazione e della cena

Spostare colazione e cena aiuta a dimagrire
Spostare colazione e cena aiuta a dimagrire Shutterstock

Tutti noi cerchiamo di mantenere il peso forma ogni giorno. Ma si sa che per alcuni questo potrebbe significare enormi sacrifici e fatica. Tuttavia, un gruppo di scienziati ritiene che vi siano anche soluzioni più semplici: mangiare moderatamente – evitando, ovviamente, gli eccessi – ma farlo all’ora giusta. Si tratterebbe, in sintesi, di spostare gli orari del pranzo e della cena. Ecco i risultati dello studio appena pubblicati sul Journal of Nutritional Sciences.

Esperimenti simili anche su gli animali
L’ora in cui facciamo determinate cose sembra incidere particolarmente sul nostro stato di salute, specie se si tratta di alimentazione. Già studi sugli animali avevano evidenziato come l’accumulo di grasso può essere invertito modificando il momento della cena. Ora, un nuovo studio ha messo in evidenza come anche l’orario della colazione possa avere ripercussioni sulla nostra linea.

Meno peso, più calorie
Il piccolo stratagemma consentirebbe a chiunque di perdere peso, pur non riducendo la quantità di calorie ingerite. Da tempo infatti si sa che in alcuni orari il nostro organismo processa i nutrienti ingeriti nel miglior modo mentre in altri agisce più lentamente, rallentando notevolmente il metabolismo e predisponendo all’accumulo di grasso.

90 minuti
Il numero che dobbiamo tenere a mente è il 90. Tutti i partecipanti alla sperimentazione hanno dovuto cambiare l’orario della colazione e della cena di 90 minuti. Hanno perciò posticipato la colazione a un’ora e mezza dopo e anticipato la cena a un’ora e mezza prima. E i risultati non si sono fatti attendere: dopo due mesi e mezzo avevano perso più del doppio della quantità di grasso, rispetto al gruppo di controllo. E tutto questo senza aver ridotto in alcun modo l’apporto calorico.

Mangiar poco è peggio
Secondo i ricercatori, ridurre le calorie non è un buon metodo per perdere peso. Si assiste, infatti, a una sorta di effetto rimbalzo e si finisce con il mangiare in totale più cibo di quanto sarebbe accaduto seguendo una dieta normo-calorica. Ma spostare gli orari, non facendo rinunce, aiuta sia l’umore che la linea secondo i risultati ottenuti dallo studio. «Questo è molto incoraggiante. Le persone possono ancora, in una certa misura, mangiare il cibo che vorrebbero, ma se cambiano semplicemente il tempo in cui mangiano, allora questo può avere un beneficio a lungo termine. Non direi che è una soluzione magica, ma potrebbe essere un pezzo importante del puzzle», spiega Jonathan Johnson dell'Università del Surrey.

Ritmi circadiani
Secondo il gruppo di scienziati che ha condotto lo studio, posticipare la colazione e anticipare la cena è più in linea con i nostri ritmi circadiani, ciò significa che l’organismo performa nel migliore dei modi e metabolizza bene il cibo. Inoltre, è importante sottolineare che anche il tempo di digiuno, in questo modo, viene prolungato. Senza considerare che, senza fare alcuna rinuncia, le persone mangiavano (in totale) comunque meno cibo rispetto a prima. «La riduzione del grasso corporeo riduce le possibilità di sviluppare obesità e malattie correlate, quindi è fondamentale per migliorare la nostra salute generale», conclude Johnston.