14 novembre 2018
Aggiornato 03:00

Mai dimenticare il caffè al mattino: si rischia il mal di testa

Secondo il professore di medicina, Merlin Thomas, se si dimentica di prendere il caffè alla mattina si può assistere alla comparsa del mal di testa. Ecco perchè
L'astinenza da caffè può causare mal di testa
L'astinenza da caffè può causare mal di testa (GaudiLab | Shutterstock)

Il caffè fa ormai parte della nostra routine mattutina. Quanti di voi possono dichiarare di essere davvero svegli e pronti senza averlo bevuto? La nera bevanda, poi, è una delizia per il palato e nella maggior parte delle persone dona un’ottima sensazione di appagamento, alla pari di una droga. E forse anche per questo motivo se non lo si prende – anche solo una volta – si può incappare in vari effetti collaterali. Uno di questi, secondo quanto dichiarato da alcuni scienziati della Monash University, è il mal di testa. Ecco il motivo per cui non bisognerebbe mai dimenticare di consumare il caffè.

Droga o stimolante?
Tutti sappiamo che il caffè, grazie alla presenza del suo più importante principio attivo – la caffeina- svolge un’azione tonica e stimolante. Ha la peculiarità di entrare molto velocemente in circolo apportando modifiche a livello cerebrale. Tali modifiche donano una sensazione di piacere, stimolando anche alcuni centri di ricompensa. Ragion per cui è difficile farne a meno, quasi come fosse una droga.

Sottile euforia
Il motivo per cui funge come una sorta di droga è che la caffeina può bloccare i recettori dell’adenosina. Ovvero i recettori responsabili dell’opacità cerebrale. Ne consegue che in breve tempo ci sentiamo meglio, più energici, con maggior concentrazione e una sottile euforia. Inutile dire che anche le nostre prestazioni assistono a un miglioramento rilevabile da chiunque. A parlare dell’azione del caffè e dei suoi effetti avversi, è stato Merlin Thomas, docente di Medicina alla Monash University, che ha rilasciato un’intervista al quotidiano The Conversation.

Il lato negativo
Come ogni cosa esistente al mondo, però, anche il caffè ha i suoi lati negativi. Il primo di questi è che ci abituiamo molto facilmente alla dose ideale e, di conseguenza, per ottenere sempre effetti simili dovremmo aumentare ogni giorno (o quasi) la quantità. Un altro lato oscuro è che la caffeina crea dipendenza. E le conseguenze potrebbero non piacere né a noi né agli altri: diventiamo lunatici, irritabili, nervosi, stanchi e disattenti. Ciò significa che la maggior parte delle persone consuma continuamente caffè per evitare di sentirsi in questo modo.

Il mal di testa
E ora veniamo al sintomo più eclatante: il mal di testa. Per fortuna non si tratta di forti emicranie e non durano a lungo. Ma se ti capita di non bere il caffè la mattina è molto possibile che tu – oltre a essere stanco, nervoso e iroso – abbia anche mal di testa. In alcune persone poi, basta una dimenticanza per scatenare il dolore per una settimana intera. La sensazione ricorda quella che si prova quando si ha una fascia avvolta intorno alla testa. Ma non è insolito che alcune persone sviluppino anche dolori più forti.

Perché proprio il mal di testa?
Se vi state chiedendo qual è il motivo per cui se dimenticate di prendere il caffè vi viene proprio una sorta di emicrania, è presto detto: Thomas spiega che viso e testa sono la parte più attiva e sensibile del nostro corpo. Tutto ciò avviene perché il nostro cervello deve sapere esattamente cosa sta accadendo e riceve i segnali proveniente dai nostri cinque sensi, forti e chiari. Un eventuale distorsione di segnale può provocare un effetto anomalo. Quando abbiamo mal di testa, quindi, il nostro cervello interpreta erroneamente alcuni segnali – apparentemente innocui – che riceve dalla nostra testa. La nota positiva è che tali sintomi si possono verificare solo in caso di astinenza totale. Piuttosto meglio bere poco caffè per evitare effetti collaterali. Ma se ormai avete già il mal di testa (da astinenza), Thomas consiglia di bere la solita dose di caffè o optare per un tè - ed entro massimo un’ora tornerete come nuovi.

L’effetto antidolorifico
Se da un lato l’astinenza può provocare mal di testa, è anche vero il contrario: alcune ricerche ritengono che il caffè possieda virtù antidolorifiche. Se si assumono medicinali per alleviare il dolore, come per esempio antinfiammatori non steroidei, aspirina o paracetamolo, aumentano la loro efficacia se assunti insieme a una tazzina di caffè. Stessa cosa dicasi per i mal di testa da sbornia: il caffè ci fa tornare come nuovi. Quindi il caffè fa bene alla salute, ma attenzione alle dimenticanze: si otterrebbe l’effetto opposto.