19 marzo 2019
Aggiornato 04:30

La dieta di chetogenica o keto dimagrante aumenta il rischio di diabete di tipo 2

Un nuovo studio rileva il potenziale rischio nel seguire la popolare dieta dimagrante di sviluppare il diabete. Ecco perché

Dieta chetogenica
Dieta chetogenica

Sono molte le persone attirate dalle potenzialità tanto sbandierate della cosiddetta dieta chetogenica o keto. Eppure, anche questa dieta dimagrante così famosa pare abbia i suoi lati negativi. Secondo un nuovo studio, infatti, può aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e, per così dire, cadere dalla padella alla brace.

Il metodo
Secondo la dieta keto, il perdere peso avviene perché si consumano pochi carboidrati e più grassi. In questo modo si bruciano maggiormente questi grassi al posto dei carboidrati, in un processo noto come chetosi.

La scoperta
I ricercatori dall’ETH di Zurigo e dell’ospedale pediatrico universitario di Zurigo in Svizzera hanno condotto uno studio su modello animale, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Physiology. Secondo quanto scoperto dal prof. Christian Wolfrum e colleghi, seguire la dieta nelle sue fasi iniziali potrebbe concretamente aumentare il rischio di diabete di tipo 2.

Lo studio
Per arrivare alle loro conclusioni, i ricercatori hanno nutrito un gruppo di topi con una dieta chetogenica e un altro con una dieta sempre ad alto contenuto di grassi. Dopo di che, hanno analizzato il loro metabolismo e le risposte al glucosio o zucchero. I risultati dei test hanno evidenziato come la dieta chetonica non consentone al corpo di usare correttamente l’insulina, per avviene che quindi i livelli di zucchero nel sangue non vengono adeguatamente controllato. Ciò porta all’insulino resistenza, che a sua volta può aumentare il rischio per il diabete di tipo 2. «Anche se le diete chetogeniche sono note per mantenersi in buona salute – spiega il dott. Wolfrum – i nostri risultati indicano che con questo tipo di dieta ci può essere un aumento del rischio di insulino-resistenza che può portare al diabete di tipo 2». Tuttavia, sottolineano i ricercatori, il rischio decade quando si sospenda questo tipo di dieta. Per cui, chi avesse iniziato a seguire una simile dieta, ed è eventualmente preoccupato per il rischio di diabete, può smettere di seguirla.