20 ottobre 2018
Aggiornato 22:01

Colpi di calore: 5 consigli per difendersi

Cinque consigli dettati dagli esperti per difendersi dai colpi di calore
I consigli per difendersi dai colpi di calore
I consigli per difendersi dai colpi di calore (Marian Weyo | Shutterstock)

L’estate è la stagione più bella dell’anno. Tutti noi abbiamo voglia di uscire di più perché le giornate sono soleggiate e anche molto più lunghe. Senza considerare che la maggior parte di noi può permettersi una bella vacanza al mare. Ma le insidie più grosse per la nostra salute ci sono proprio in tale periodo. L’eccesso di caldo, infatti, può provocare seri danni all’apparato cardiovascolare e al cervello. Ecco tutti i consigli per difendersi dai colpi di calore.

Un’estate in sicurezza
Affinché possiamo goderci totalmente l’estate e, soprattutto, le nostre vacanze, dobbiamo imparare a difendersi dal forte caldo che contraddistingue questa stagione. Per questo motivo il provider Ecm 2506 Sanità in-Formazione, in collaborazione con l’endocrinologa e nutrizionista, Serena Missori, hanno stilato una lista di cinque consigli da non dimenticare mai:

Usate i vestiti giusti
Non tutti gli indumenti sono uguali. È importante usare solo fibre naturali – si tratta di una regola che vale anche in inverno ma che in estate è obbligatoria. Le fibre sintetiche, infatti, aumentano l’eccesso di calore nel corpo, riducendo la possibilità di abbassare la temperatura. Inoltre, non fanno traspirare la pelle con il rischio aumentato di incappare in infezioni micotiche. Gli esperti ritengono quindi che sia indispensabile scegliere abiti in cotone, lino o viscosa. Quando si cammina sotto il sole, poi, l’ideale è indossare un cappello di cotone leggermente inumidito.

Bevete tanto
L’idratazione è uno dei fattori chiave per la nostra salute. Bisogna quindi bere tanto e spesso, magari aggiungendo all’acqua del succo di limone e menta per reintegrare i Sali minerali. Un drink rinfrescante e drenante – spiegano gli esperti – è quello preparato con 400 grammi di anguria, il succo di un limone, 5-6 foglie di menta fresca e 200 ml di acqua. Il tutto va frullato e bevuto immediatamente. Evitare, invece, i succhi di frutta confezionati che sono troppo concentrati rispetto alla quantità di cui abbiamo veramente bisogno. Nel caso in cui non riuscissimo a farne a meno, meglio diluirli con dell’acqua fresca.

Niente abbuffate
E’ probabile che molti di voi, in questo momento, abbiano la fortuna di soggiornare in albergo. E si sa che in questi posti il cibo che ci viene servito è esageratamente invitante. Non a caso spesso si fanno talmente tante abbuffate che si rientra dalle vacanze con qualche chiletto in più. Tuttavia, è bene non mangiare troppo perché quando la digestione è molto laboriosa viene richiamato più sangue verso l’apparato digerente, riducendo l’afflusso agli altri organi. Inoltre, bisogna evitare di bere bevande troppo fredde o alimenti come gelati e granite. E se proprio non si resiste alla tentazione, è importante ricordare che bisogna lasciare il cibo un po’ in bocca per evitare di ingurgitarlo congelato. In questo modo si riduce il rischio di shock termico.

Bambini più a rischio
Infine, non bisogna dimenticare che i bambini sono i soggetti più a rischio. I genitori, quindi, devono fare in modo che non vengano esposti al sole o che facciano attività fisica nelle ore più calde della giornata. È anche importante bagnargli spesso la testa, rinfrescargli corpo e fornirgli i minerali persi con la sudorazione, attraverso un’alimentazione ricca di frutta e verdura.