26 giugno 2019
Aggiornato 17:30
Cause del cancro

I geni mortali correlati al cancro provengono dalle piante?

Secondo un recente studio pubblicato su Genome Biology, i geni correlati al cancro sarebbero stati acquisiti direttamente dalle piante. Ecco perché

I geni che causano il cancro provengono dalle piante?
I geni che causano il cancro provengono dalle piante? ( Shutterstock )

Da un recente studio è emerso qualcosa di incredibilmente sconcertante: i geni che causano il cancro potrebbero aver avuto origine nella maggior parte dei vegetali ed essere, per così dire, migrati sull’essere umano causando le varie forme di malattie neoplastiche. Tali geni vengono proprio definiti i geni del salto e sembrano essere entrati in contatto con l’essere umano già milioni di anni fa. Ecco il risultato dello studio pubblicato su Genome Biology.

Evoluzione?
Come ben sappiamo tutto – a questo mondo – è regolato dall’evoluzione. Noi stessi, ormai è risaputo, siamo un super organismo formato da batteri, virus e funghi. Non a caso il numero di cellule batteriche presenti nel nostro corpo supera di gran lunga quello delle cellule umane. Al momento gli scienziati sono riusciti a trovare un codice di codifica che si è rivelato altamente dinamico e responsabile dei cambiamenti che avvengono in maniera accelerata nei confronti dell’evoluzione umana. Gli stessi geni, però, sono gli stessi che causano mutazioni direttamente collegate con lo sviluppo dei tumori.

Proteina L1
Pare che questi geni del salto (saltazionismo) siano direttamente collegati a una proteina conosciuta con il nome di L1, la cui mutazione è direttamente collegata a sindromi neurologiche e malattie neoplastiche. Per arrivare a simili conclusioni, i ricercatori hanno preso in esame i progetti genetici di oltre 750 specie. D’altro canto la scienza ha sempre asserito che a causa dell’enorme lasso di tempo in cui L1 è stata presente nel genoma umano, è molto difficile comprendere in che modo questo sia saltato da una specie all’altra. Ma alcuni scienziati dell’Università di Adelaide, dopo aver condotto un importante studio, ritengono che sia passato da piante a insetti per poi approdare sull’organismo umano.

Sicuramente non proviene dai mammiferi
A seguito del loro studio, i ricercatori hanno scoperto che L1 – di sicuro – non ha avuto origine dai mammiferi. Secondo il professor David Adelson, l'impatto dei geni che saltano, chiamati anche retrotrasposoni, ha alterato la comprensione dell'evoluzione umana. Ricordiamo che i trasposoni sono, in sintesi, sequenze di DNA che hanno la capacità di cambiare posizione nel genoma umano. Va da sé che durante lo spostamento possono alterare molte delle funzioni genetiche. «Riteniamo che l'ingresso di L1 nel genoma dei mammiferi sia stato un fattore chiave per la rapida evoluzione dei mammiferi negli ultimi 100 milioni di anni», spiega Adelson.

Copia e incolla
Questo tipo di geni svolgono funzioni analoghe – in parte – alla nostra tecnica CRISPR. «I geni che saltano si copiano e si incollano intorno ai genomi e nei genomi di altre specie. Come fanno questo non è ancora noto, anche se possono essere coinvolti insetti come zecche, zanzare o persino virus. Tutto ciò è ancora un grande puzzle».

Evoluzione e cancro
Il cancro, quindi, potrebbe essere il risultato di un’accelerazione dell’evoluzione e di alcuni frammenti genetici che sono passati da vegetali e insetti all’uomo. Comprendere come si è evoluta la vita potrebbe aiutarci a capire il comportamento delle cellule cancerose e prevedere in quali soggetti potrebbe comparire il cancro. «Pensa a un gene che salta come un parassita. Quello che c'è nel DNA non è così importante - è il fatto che si introducano in altri genomi e causano l'interruzione dei geni e il modo in cui sono regolati», conclude Adelson.