25 gennaio 2020
Aggiornato 22:00
Influenza ko

In arrivo il vaccino contro l’influenza che protegge per 10 anni

Con una singola iniezione si potrà essere protetti dall'influenza per ben 10 anni

Influenza
Influenza Shutterstock

REGNO UNITO – Presto potrebbe essere disponibile un vaccino universale che protegge dai virus influenzali per ben dieci anni. Questa la promessa dei ricercatori britannici della Imutex che hanno lavorato a un vaccino che si ritiene essere più efficace di tutti quelli prodotti sino a ora.

Una malattia sottovalutata
L’influenza è ormai considerata una sgradevole compagna della stagione fredda che, per così dire, si è in qualche modo accettata come un ‘male’ inevitabile. Allo stesso modo, si considera alla stregua di un raffreddore che, con qualche pastiglia passa. Invece, specie negli ultimi anni, l’influenza ha dimostrato di essere una malattia virale serie e anche pericolosa. Basti pensare alle numerose morti che ha causato quest’anno – particolarmente virulento – anche tra le persone giovani. Ecco perché è importante la ricerca in questo campo, e ben vengano vaccini che ci possano proteggere realmente e, perché no, anche per molti anni con una sola somministrazione.

Il Gap degli altri
Secondo i ricercatori, i vaccini attuali hanno un Gap: agiscono soltanto su un limitato numero di virus influenzali – quando non anche su uno solo. Questo nuovo vaccino, invece, agirebbe contro numerosi virus influenzali. Permettendo una migliore e più efficace protezione.
L’idea del nuovo vaccino è quella di un agente universale che offre una protezione a più ampio spettro e per diversi anni: da 5 a 10.

Un passo avanti rispetto al vaccino
Il problema con i vaccini tradizionali è che questi vanno a colpire le proteine sulla superficie del virus. Tuttavia, le regioni di queste proteine ​​cambiano costantemente nel tentativo di ingannare il sistema immunitario. Per questo motivo i virus sono sempre un passo avanti rispetto al vaccino, per cui lo rendono in seguito non più efficace, e si rende necessaria una vaccinazione ogni anno.

Come agisce il nuovo vaccino
A differenza degli altri, il nuovo vaccino va a colpire quelle regioni delle proteine dei virus che sono immutabili, facendo aumentare le cellule T del sistema immunitario che riconoscono e attaccano gli invasori.

Le prove
Per testa l’efficacia del vaccino, i ricercatori hanno reclutato 123 volontari con un’età compresa tra 18 e 60 anni. I partecipanti sono poi stati vaccinati con il nuovo preparato e poi sono stati infettati dal virus dell'influenza suina H1N1, e isolati per otto giorni in una stanza. Dai risultati è emerso che ben l’80% dei partecipanti non hanno sviluppato la malattia. Oltre ad aver impedito lo sviluppo della malattia, il vaccino è risultato due volte più efficace nel limitare i sintomi simil-influenzali nel 60% dei casi. I ricercatori ritengono che questo nuovo vaccino dovrebbe essere disponibile nel giro di due anni.