6 giugno 2020
Aggiornato 16:30
TV e cancro

Guardi troppe serie TV come il «trono di spade»? Rischi il cancro

Guardare troppa TV, in particolare serie televisive, aumenta le probabilità di contrarre il cancro al colon. Ecco perché

Guardare troppe serie TV predispone a un maggior rischio di cancro al colon
Guardare troppe serie TV predispone a un maggior rischio di cancro al colon Shutterstock

Ovviamente nessuno di noi può affermare che si rischia la vita guardando il trono di spade, una serie televisiva che fin dalla sua prima comparsa negli Stati Uniti, avvenuta nel 2011, ha riscosso un grande successo. Tuttavia, secondo alcuni scienziati, certe immagini – più di altre – ci poterebbero ad adottare comportamenti scorretti che aumenterebbero il rischio di contrarre il cancro al colon. Ecco perché.

Comportamenti errati
In genere guardare la televisione – anche senza Trono di Spade – può danneggiare la nostra salute. Il motivo è presto detto: si sta troppo fermi, si usa il cervello in maniera passiva e si rischiano problemi metabolici e cardiaci. Ma se guardiamo serie teelvisive particolarmente attraenti che non ci permettono di schiodarci dal divano, le cose si complicano perché cominciano ad adottare comportamenti ancora più scorretti.

Lo studio
Lo studio, recentemente pubblicato sul British Journal of Cancer, ha messo in evidenza come guardare troppe serie tv ci porti a condurre comportamenti scorretti che possono minare seriamente la nostra salute. In genere infatti, si fuma di più, si sta troppo fermi e si fanno anche parecchi spuntini. Tutti comportamenti che potrebbero aumentare il rischio di contrarre il cancro al colon. Per arrivare a tali conclusioni, gli scienziati hanno analizzato dati provenienti da mezzo milione di uomini e donne che trascorrevano più o meno tempo davanti alla TV.

Tv e cancro al colon
«Ricerche precedenti hanno suggerito che guardare la TV poteva essere associato ad altri comportamenti, come fumare, bere e fare spuntini, e sappiamo che queste cose possono aumentare il rischio di cancro intestinale», ha dichiarato il dottor Neil Murphy. Al contrario, un aumento dell’attività fisica ha evidenziato una riduzione del rischio. «La sedentarietà è anche associata all'aumento di peso e al maggior grasso corporeo. L'eccesso di grasso corporeo può influenzare i livelli ematici di ormoni e altre sostanze chimiche che influenzano il modo in cui le nostre cellule crescono e possono aumentare il rischio di cancro all'intestino».

Le giuste domande
«Questo studio pone domande interessanti sul motivo per cui il tempo trascorso davanti a uno schermo del computer non aumenta il rischio di cancro intestinale, ma guardando la TV sì. Ci sono prove che una maggiore esposizione alla pubblicità relativa a cibi spazzatura TV aumenti la probabilità di mangiare di più, il che aumenterà anche le possibilità di essere in sovrappeso. È interessante notare che solo gli uomini che guardavano molta TV avevano un aumentato rischio di cancro intestinale, ma non le donne. Lo studio non è stato esaminato direttamente, ma potrebbe essere perché gli uomini potrebbero fumare, bere e mangiare più malsanamente delle donne mentre guardano la TV», spiega la professoressa Linda Bauld, esperta di prevenzione al Cancer Research.

I fattori che riducono il rischio
«Avremo bisogno di condurre ulteriori ricerche per rispondere alle domande sollevate da questo studio. Quello che sappiamo è che mantenere un peso sano, ridurre l'alcol, essere fisicamente attivi e seguire una dieta ricca di frutta e verdura sono fattori noti per ridurre il rischio di cancro intestinale», concludono i ricercatori.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal