Salute | Serie TV

Ragazza di 13 anni finge di impiccarsi in un video-scherzo il giorno prima di suicidarsi davvero

Lo scherzo fatto dopo aver visto la serie Tv su Netflix '13 Reason Why' o TH1RTEEN R3ASONS WHY, si è trasformato in una tragedia. Il giorno dopo 13enne si suicida

Screenshot dell'articolo su Metro
Screenshot dell'articolo su Metro (Metro.co.uk)

REGNO UNITO – Si impicca a 13 anni nella sua cameretta dopo aver visto la serie Tv '13' (13 Reason Why o TH1RTEEN R3ASONS WHY) in onda su Netflix – una controversa serie sul suicidio e l'angoscia adolescenziale. Ma, ancora più inquietante, è che Lily Mae Sharp il giorno prima di porre fine alla sua giovane vita, aveva girato un video per scherzo in cui si impiccava nei bagni della scuola.

Il video scherzo
Come riporta il tabloid inglese Metro, il giorno prima della sua morte, Lily era apparsa in un video girato nei bagni della Sandbach High School for Girls, in cui pare fosse stata scelta da altre ragazze per indossare un cappio fatto di carta igienica, apparentemente collegato alla serie Tv 13.
Durante un'udienza, la madre Victoria Noblet, ha dichiarato che sua figlia stava guardando proprio quella serie Tv in quei giorni. Aveva un suo account sulla piattaforma Netflix e aveva più volte menzionato la serie 13. «Non so per certa se l'ha guardata o no – specifica la madre – ma so che ne aveva discusso con i suoi amici». La serie Tv 13, tratta di un adolescente che fornisce 13 motivi per cui si toglie la vita.

Non aveva mostrato segni di volere togliersi la vita
Secondo il racconto della madre, Lily era una ragazza allegra, spumeggiante. E non dava segni di essere depressa o volersi togliere la vita. Sì, la famiglia stava attraversando un momento difficile, spiega, perché lei si stava separando dal marito. Secondo invece la testimonianza del padre, David Pearson, che non viveva con la famiglia aveva organizzato una sessione di consulenza per Lily, dove disse di sentirsi 'preoccupata' e 'spaventata' per il futuro.

Bullismo?
In una dichiarazione fatta dal dirigente scolastico, Lily non era una ragazza problematica, anzi. Tuttavia erano giunte voci di atti di bullismo, che però non avevano trovato fondamento o prove. Nonostante ciò, era venuto a conoscenza di quanto accaduto il giorno prima nei bagni della scuola. «A quanto ho capito, l'incidente è stato uno scherzo legato al programma televisivo che Lily stava guardando», ha detto il preside della scuola. Altre testimonianze di alunni hanno riportato che, una volta, Lily avrebbe espresso 'oscuri pensieri'. Durante una consulenza con uno psicologo della scuola, tuttavia, Lily avrebbe detto di essere serena e felice. Il giorno del suicidio, però, pare ci fosse stata una discussione tra la ragazza e alcune sue compagne di scuola. In sostanza non ci sarebbero stati evidenti segni o presagi che facessero pensare a un atto di questo genere. Il motivo per cui lo ha fatto probabilmente resterà un suo segreto.