19 settembre 2018
Aggiornato 08:31

Allarme per i cibi contenenti oli minerali tossici: sono almeno 10 e c'è anche la pasta

Un'indagine di Altroconsumo evidenzia che ci sono almeno 10 cibi che contengono pericolose sostanze derivate dalla raffinazione del petrolio
Attenzione agli oli minerali nei cibi
Attenzione agli oli minerali nei cibi (leventina | shutterstock.com)

ROMA – Ogni giorno la nostra salute è minacciata proprio da quello che, innocentemente e con puro atto di fede, portiamo in tavola. Sono sempre più infatti i bollettini emessi dal Ministero della Salute riguardo per esempio al richiamo di prodotti alimentari contaminati da salmonella, listeria, tossine e muffe, istamina, metalli e via discorrendo. Quello che mancava alla lista erano forse gli oli minerali, come quelli – per intenderci – che mettiamo nel motore della nostra auto. Ad aver scoperto la presenza di questi è un'indagine condotta dagli esperti di Altroconsumo.

Mosh e Moah, l'accoppiata tossica
Negli alimenti analizzati da Altroconsumo è emersa l'inquietante presenza di due sostanze chiamate Mosh e Moah che, come spiegano gli esperti, «sono sostanze che derivano dalla raffinazione del petrolio e che, spesso accidentalmente, finiscono sulle nostre tavole. La loro presenza può comportare anche seri rischi per la salute perché, specie nel caso dei Moah, sono potenzialmente cancerogene». Dall'analisi condotta, queste sostanze sono state trovate in 10 dei 35 cibi analizzati. Tra questi, cereali per la prima colazione, cioccolato, pasta all'uovo, preparati per budino e riso.

I risultati dei test
«Gran parte dei campioni analizzati contiene i Mosh – si legge nell'indagine di Altroconsumo – Ciò che desta maggiore preoccupazione, però, è la presenza di Moah, contaminanti potenzialmente cancerogeni, trovati in 10 prodotti: 3 paste all'uovo, 6 preparati per budini e 1 tavoletta di cioccolato».

Cosa sono gli oli minerali e perché sono pericolosi
«Gli oli minerali – prosegue l'indagine – sono ingredienti derivati dalla raffinazione del petrolio, sono composti da miscele di migliaia di molecole e possono contenere dei componenti che, se ingeriti, possono essere pericolosi per la salute. Parliamo dei Mosh (Mineral Oil Saturated Hydrocarbon) e dei Moah (Mineral Oil Aromatic Hydrocarbon). In particolare i Moah sono considerati potenzialmente genotossici e cancerogeni, mentre alcuni Mosh possono accumularsi nei tessuti (nella milza, nel fegato e nei linfonodi) e causare microgranulomi».

Sostanze indesiderate
Oli minerali negli alimenti? No, grazie. Difatti, la normativa emanata dalla Commissione Europea richiede alle autorità sanitarie dei Paesi aderenti di monitorare la loro eventuale e accidentale presenza, proprio perché sono sostanze indesiderate. Nonostante ciò, a oggi non esiste una legge che ne vieti o limiti la loro presenza negli alimenti. A differenza degli alimenti, in cui questi oli minerali sono presenti essenzialmente come contaminanti, nei cosmetici, invece, sono degli ingredienti veri e propri ammessi dalla normativa – sottolinea Altroconsumo. Così come sono pericolosi negli alimenti, però, lo sono anche per quei cosmetici che si applicano sulle labbra, perché il contenuto viene ingerito.

Colpa dei macchinari
La contaminazione degli alimenti con queste sostanze non è di certo una cosa voluta dalle aziende che li producono ma, semmai, un evento cagionato indirettamente dai macchinari di produzione. Questi, infatti, in sede di manutenzione, spesso vengono lubrificati i trattati proprio con oli minerali. Altro motivo di contaminazione, secondo l'indagine, potrebbero essere i sacchi di iuta utilizzati per il traporto delle fave di cacao, che sono trattati con oli minerali. Poi possono essere anche i cartoni contaminati durante la produzione. Quale che sia tuttavia la ragione, fatto sta che ci sono molti alimenti che sarebbe meglio evitare di mangiare (nell'immagine riportata più sotto l'elenco completo stilato da Altroconsumo).

Alcuni dei cibi che sarebbe meglio evitare
I 10 alimenti trovati più contaminati dagli oli minerali, e che sarebbe meglio evitare di consumare sono: il cioccolato J. D: Gross della LIDL; i preparati per budino gusto cioccolato a marchio Auchan, quello a marchio Cameo, quello a marchi Carrefour, quello a marchio Eurospin (Dolciando), quello a marchio Molino Chiavazza e quello a marchio s. Martino. Per le tagliatelle all'uovo è meglio evitare di mangiare quelle a marchio Filotea, Luciana Mosconi e Pasta Reale (MD).

Screenshot dell'indagine di Altroconsumo
Screenshot dell'indagine di Altroconsumo (Altroconsumo)