26 giugno 2019
Aggiornato 07:30
Estrazioni dentali

Muore dopo un’estrazione dentale: aveva perso troppo sangue

Un uomo si sottopone a un’estrazione dentale ma dopo l’intervento perde molto sangue. Morirà in ospedale pochi giorni dopo

Muore dopo estrazione dentale
Muore dopo estrazione dentale ( Shutterstock )

Quello che stiamo per raccontarvi è uno di quei fatti che in un certo senso ci riguarda da vicino perché tutti, prima o poi, abbiamo a che fare con un dentista. E non è affatto raro doversi sottoporre a un’estrazione dentale. D’altro canto è anche uno di quei casi davvero particolari che – per fortuna – non accadono praticamente mai. Tuttavia, la vicenda è, ahimè, reale: un uomo ha eseguito un intervento dentale e dopo breve tempo è morto presumibilmente a causa del sanguinamento eccessivo.

Chi è il responsabile?
Il fatto non è avvenuto in Italia – per fortuna – ma a Karnataka, uno stato dell’India Sud Occidentale. Qui un uomo aveva in programma di eseguire un intervento dentale presso la Ratna Clinic che prevedeva l’estrazione di ben tre denti. E così è stato: il paziente si è presentato l'8 dicembre a tale scopo. Tuttavia, nelle ore seguenti accade qualcosa di imprevedibile che lo porterà alla morte. Ma il dentista non si dichiara in nessun modo responsabile delle condizioni del paziente.

Sanguinamento eccessivo
In realtà molte indagini sono ancora in corso ma si presume che l’uomo sia morto a causa del sanguinamento eccessivo che si è verificato in seguito alla procedura dentale. Nei giorni seguenti, viste le sue condizioni, il paziente è stato ricoverato presso l'Istituto di scienze mediche del Karnataka (KIMS), una struttura d’eccellenza in India. Nonostante ciò, il 17 dicembre i medici non hanno potuto far altro che constatare il suo decesso.

La denuncia
E’ abbastanza evidente che qualcosa, nell’estrazione dentale, sia andata storta. Per questo motivo il fratello di Khader, di nome Abdul Razzaq, ha sporto denuncia alla polizia. È stato lui a portarlo con urgenza presso la clinica KIMS pochi giorni dopo l’estrazione dentale. Purtroppo, però, questo non è stato sufficiente a salvarlo. «È stato trattato in terapia intensiva: avremmo potuto salvarlo se fosse stato portato due giorni prima».

E il dentista?
Il dentista continua ad affermare di non essere in nessun modo responsabile dell’accaduto. Nonostante ciò ha detto che avrebbe pagato volentieri 10.000 rupie (circa 132 euro) al paziente vista la condizione (iniziale). Inoltre, il dottor Magalad, ha dichiarato: «si dice che il paziente sanguinasse molto ma la sua famiglia non mi disse niente, dopo tre giorni mi fecero sapere che stava sanguinando ed era stato portato al KIMS», ha dichiarato al Times of India. Inoltre, «dopo il ricovero, una persona che sosteneva di essere un avvocato tentò di estorcermi del denaro. Quando sono andato all'ospedale, i parenti di Khader hanno detto che erano poveri e hanno cercato assistenza finanziaria: per motivi umanitari, gli ho donato Rupie 10.000».

Ad ogni modo, ancora non vi è certezza sulla reale causa della morte, solo l’autopsia potrà fare luce sulla questione.