13 novembre 2019
Aggiornato 22:30
Tumore al seno a Messina

Tumori al seno in aumento: anche tra i maschi

Negli ultimi anni si sta assistendo a un aumento esponenziale dei casi di tumore al seno. A rischio anche gli uomini. Al Palacultura di Messina interverranno i massimi specialisti in oncologia

Tumore al seno al Palacultura di Messina
Tumore al seno al Palacultura di Messina Shutterstock

Abbiamo sempre più screening a disposizione, conosciamo tutti i metodi preventivi e abbiamo a disposizione anche cure alternative alla chemioterapia. Nonostante tutto stiamo assistendo a un aumento esponenziale dei casi di tumore alla mammella. Problematica che, ahimè, riguarda anche la popolazione maschile. Verrebbe da chiedersi cosa c’è che non va nelle strategie che seguiamo e se la scienza, in realtà, non stia ancora – parzialmente - brancolando nel buio sulle cause scatenati. Questa e altre risposte probabilmente troveranno risposta presso il Palacultura di Messina, luogo in cui si parlerà approfonditamente di uno dei più grandi dilemmi della storia dell’umanità: il cancro al seno.

Numeri allarmanti
Solo nel nostro paese ci sono 450mila persone colpite da tumore al seno, cinquantamila nuove ogni anno. Di questi ultimi ben 500 riguardano la popolazione maschile. Il problema, è bene sottolineare, che non riguarda solo i pazienti che non hanno seguito – prima della diagnosi – uno stile di vita corretto. Tutt’altro: è molto frequente vedere persone colpite di cancro al seno (e non solo) che adottano uno stile di vita impeccabile senza che vi sia alcuna familiarità. Cosa induce delle cellule normali a divenire cancerogene in questi casi nessuno sa. O sarebbe meglio dire che la scienza ancora non è stata in grado di comprendere quali siano i meccanismi che scatenano un’alterata metilazione del DNA nonostante siano azzerati i fattori di rischio.

Un approfondimento a Messina
Per in parte venire a capo dell’origine del cancro al seno e per mostrare – a chi ancora non le conoscesse – le nuove terapie, ci sarà presto «Controversie e nuovi scenari nel carcinoma della mammella». Si tratta di un evento promosso dal professor Mario Mesiti e dal dottor Pietro Spadaro che si terrà venerdì 22 e sabato 23 settembre al Palacultura di Messina.

Le nuove strategie terapeutiche
All’evento di Messina verranno presentate tutte le nuove strategie terapeutiche che accompagnano o sostituiscono la tanto temuta chemioterapia. Si parlerà quindi di oncologica chirurgica, medica e radioterapia. Ma anche di diagnostica radiologica ed ecografica, mammografia digitale integrata da tomosintesi, chirurgia plastica e sistemi di prelievo istologico mirato come la microbiopsia stereotassica.

Un team di specialisti in oncologia
Alla presentazione saranno presenti molti esperti in oncologia, tra questi il professor John Crown del St Vincent Hospital di Dublino, uno dei massimi esperti mondiali del tema, parlerà del futuro delle terapie sistemiche. Il dottor Giuseppe Gullo, suo collaboratore, farà invece il punto della situazione circa l’impiego della chemioterapia neo-adiuvante. Ci sarà anche il professor Francesco Schittulli, presidente nazionale della LILT, che terrà una conferenza sul futuro della senologia. Infine, saranno presenti il professor Corrado Tinterri, direttore Breast European School of Oncology di Milano, Paolo Veronesi e Pietro Caldarella dell’Istituto Europeo Oncologico di Milano.