Pesce avariato al ristorante Locanda delle Antiche Sere

Asti, pranzo di nozze mortale: lo zio deceduto e 30 intossicati in ospedale

Pranzo di nozze da incubo in un ristorante di Maretto, Asti. L’aver servito probabilmente pesce avariato ha provocato la morte di un uomo, zio dello sposo, e in trenta sono finiti in ospedale. Gli sposi denunciano i proprietari e i Nas sequestrano il ristorante

Intossicati al pranzo di nozze in un ristorante in provincia di Asti
Intossicati al pranzo di nozze in un ristorante in provincia di Asti (Iryna Prokofieva | shutterstock.com)

ASTI – Doveva essere una festa, e invece si è trasformata in un dramma. Dopo un aver probabilmente mangiato pesce, in cento degli invitati hanno iniziato a sentirsi male, e in trenta sono dovuti ricorrere alle cure dell’ospedale. Lo zio dello sposo, Pierino Magnelli, un anziano di 70 anni deceduto nella notte del 12 settembre all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino. Dei trenta intossicati, ancora 18 sono ricoverati nei diversi ospedali di capoluogo e provincia. Il fatto sarebbe avvenuto domenica scorsa, 10 settembre, in un ristorante di Asti dove Valentina, neosposa con il marito e gli invitati sei erano recati per il pranzo di nozze. Ora gli sposi hanno denunciato i proprietari e i Nas hanno sequestrato il ristorante di Maretto (AT).

Forse il pesce avariato
Gli inquirenti e le autorità sanitarie sospettano che la causa dell’intossicazione e del decesso siano probabilmente imputabili al pesce avariato o contaminato che è stato servito durante il banchetto alla Locanda delle Antiche Sere di Maretto in provincia di Asti. Ora, per fugare i dubbi si attende l’autopsia sul corpo dello sfortunato zio dello sposo.

La sposa distrutta
Dopo l’episodio, come comprensibile, gli sposi sono increduli di quanto possa essere accaduto in quello che per tutti, ma specialmente per loro due, doveva essere il ‘giorno più bello’. E invece, dalla gioia si è passati in un attimo alla paura e alla disperazione. «Sono stati un centinaio gli invitati che si sono sentiti male – racconta la sposa Valentina ai media locali – Alcuni sono stati ricoverati in ospedale; altri si sono rivolti al medico curante che ha prescritto loro numerosi esami. A perdere la vita è stato lo zio di mio marito». La coppia ha denunciato il ristorante. Tuttavia, anche i proprietari, sconcertati anch’essi per quanto accaduto, si sono messi a disposizione delle autorità per comprendere anche loro cosa possa essere accaduto.

Sequestrato il ristorante
I carabinieri Nas di Alessandria nel frattempo hanno provveduto al sequestro del ristorante, come da disposizione della Procura di Asti. Oltre al locale in sé, i militari dell’Arma hanno posto sotto sequestro anche alcuni avanzi del pranzo di nozze – insieme ai piani di lavoro e cottura – e sono stati prelevati alcuni tamponi e piccole parti di diversi alimenti. Altre analisi saranno condotte anche sul personale del ristorante: camerieri, cuochi ecc. Tutti i campioni raccolti saranno analizzati dalla scientifica.

Parlerà l’autopsia
Mentre si conducono tutte le analisi e le indagini del caso, a dire una parola definitiva potrà anche esser l’autopsia che sarà eseguita sabato prossimo sul corpo di Pierino Magnelli, zio dello sposo che è morto per sospetta intossicazione alimentare dopo essersi sentito male diverse ore dopo il pranzo di nozze. Intanto le indagini proseguono e non appena si avranno i risultati delle analisi condotte sul cibo e nell’ambiente si potrà già avere un più chiaro quadro di quanto possa essere accaduto. Ma la festa è comunque stata rovinata.