2 febbraio 2023
Aggiornato 19:00
Sigarette elettroniche

Sigarette elettroniche: ci sono più probabilità di iniziare a fumare quelle tradizionali

Utilizzare le sigarette elettroniche aumenta il rischio di iniziare a fumare quelle tradizionali. Ecco tutti i rischi per la salute derivanti dall'uso delle e-cig, ritenute invece più innocue

Ancora critiche sul fronte sigarette elettroniche. Questa volta non si parla di rischi per la salute, ma probabilmente, qualcosa di peggio. Secondo un recentissimo studio britannico, infatti, le e-sig potrebbero aumentare le probabilità di iniziare a fumare le sigarette tradizionali. Con tutti i problemi che da anni ben conosciamo.

Il pericolo maggiore per gli adolescenti
Sono purtroppo molti gli adolescenti che per darsi un tono fumano le sigarette elettroniche convinti che queste non abbiano ripercussioni negative sul proprio stato di salute. Invece una recente ricerca pubblicata su Tobacco Control – una rivista del British Medical Journal – mette in evidenza come le e-sig possano portare il soggetto a fumare le classiche bionde.

Lo studio
Lo studio è stato condotto dall’Università di Leeds e coordinato dal professor Mark Conner. I ricercatori hanno preso in esame quasi tremila adolescenti provenienti da venti scuole del Regno Unito. Tutti avevano un’età di circa 13-14 anni. Tra questi vi era un gruppo ristretto che aveva già fumato tabacco in precedenza, un altro (16%) che utilizzava le sigarette elettroniche. Mentre i due terzi del totale – quindi il gruppo più cospicuo – non aveva mai fumato in vita sua. Un anno dopo la prima rilevazione, gli scienziati hanno chiesto ai ragazzi se le loro abitudini al fumo erano state in qualche modo modificate. E i risultati non sono stati dei migliori.

Troppi ragazzi che fumano le sigarette tradizionali
Un anno dopo il primo rilevamento, è stato effettuato nei ragazzi il monitoraggio del monossido di carbonio nel respiro. I ricercatori in questo caso hanno notato che la maggior parte dei ragazzi che aveva iniziato a fumare le sigarette tradizionali erano quelli che in precedenza fumavano le sigarette elettroniche. In percentuale decisamente ridotta avevano cominciato a sperimentare le bionde anche chi non aveva mai fumato. Da ciò si evince che è molto più probabile iniziare a fumare le sigarette se si è già provato con le e-sig.

Qual è la relazione?
In merito ai dati acquisiti c’è da chiedersi qual è la relazione tra le e-sig e le sigarette tradizionali? Perché è più probabile che un adolescente inizi a fumare se prima ha provato le sigarette elettroniche? I ricercatori si sono anche chiesti se poteva incidere – in qualche modo – anche la compagnia. Ma pare che non sia proprio così. Anzi, è esattamente l’opposto. Nel campione preso in esame era più probabile che sperimentavano l’ebrezza del fumo di tabacco quelli che uscivano con ragazzi non fumatori. «Questo è particolarmente interessante in quanto va contro l’idea che gli adolescenti che provano le sigarette elettroniche avrebbero probabilmente fumato comunque delle sigarette vere, perché spinti dagli amici che fumano», spiegano gli studiosi.

Le sigarette elettroniche fanno male come quelle tradizionali
Sono molte le persone a scegliere di utilizzare le sigarette elettroniche pensando di poter fumare senza che vi siano effetti avversi. Invece non è affatto così. «Alcune persone usano in modo massiccio le e-cig perché pensano che non v’è nulla di male – spiega in un comunicato stampa la dott.ssa Karteek Kadimisetty, del Dipartimento di chimica di UConn – Abbiamo voluto scrutare esattamente quello che potrebbe accadere al DNA, e per farlo abbiamo avuto le risorse necessarie nel nostro laboratorio». Per arrivare a fondo della questione, il team di ricerca ha sviluppato un dispositivo elettro-ottico di screening, stampato in 3D, che rileva rapidamente le sostanze chimiche cancerogene derivate dal vapore delle e-cig che possono causare danni al DNA. Queste mutazioni al DNA, come ben sappiamo pare possano causare il cancro. Grazie a tale dispositivo, gli scienziati hanno potuto osservare come le sigarette elettroniche che contengono un liquido a base di nicotina siano nei confronti del DNA esattamente come il fumo di tabacco senza filtro. Inoltre il vapore delle e-cig privo di nicotina è stato trovato causare danni al DNA al pari delle sigarette di tabacco con il filtro. Pare che il problema sia dovuto agli additivi chimici che compongono il liquido delle e-cig. Insomma è inutile affidarsi a sigarette elettroniche per evitare quelle tradizionali, l’unica soluzione è non iniziare mai a fumare o smettere definitivamente. Non esiste altra strada per preservare la salute.