Internet-dipendenza

Dipendenza da Internet: esiste davvero. Crisi d’astinenza comprese

La dipendenza di dispositivi digitali è ormai realtà e, a quanto pare, anche quella derivante dall’utilizzo di Internet. Ecco i sintomi da crisi d’astinenza rilevati da alcuni scienziati

Dipendenza da internet
Dipendenza da internet (Elnur | Shutterstock)

SWANSEA - Quando si parla di dipendenza la nostra mente rievoca subito immagini di droga, fumo e alcol. In realtà l’essere umano pare possedere una marcata predisposizione per dipendenze di ogni tipo. Che vanno da quelle apparentemente un po’ più patologiche come quella da sesso o zuccheri a quelle che, a torto, si ritengono meno nocive. È il caso della mania di smartphone, Internet e social network.

Internet: una dipendenza patologica
Quando state usando Facebook o il vostro social network preferito vi siete mai chiesto se sareste in grado di smettere di farlo in qualsiasi momento? Probabilmente di primi acchito a una domanda così rispondereste: smetto quando voglio. Ma ci avete mai provato seriamente? Secondo quanto emerge da un recente studio condotto da ricercatori della Gran Bretagna quando ci si stacca dal web si cominciano ad avere degli strani effetti collaterali: si tratta di vere e proprie crisi d’astinenza.

I sintomi da dipendenza da Internet
E’ sempre molto difficile riuscire a trovare la linea di demarcazione tra uno svago o una dipendenza. In realtà si inizia come un semplice passatempo fino a quando ci sembra di non poterne più fare a meno. Si tratta di semplici – ma inequivocabili – avvisaglie. Se cambia la nostra routine e non possiamo più collegarci a Internet siamo nervosi oppure sentiamo il bisogno di aumentare le ore in cui usiamo i tanto amati social network.

La crisi d’astinenza
«Sappiamo da tempo che le persone che sono troppo dipendenti dai dispositivi digitali riportano sentimenti di ansia quando viene impedito loro di utilizzarli. Ma ora possiamo vedere che questi effetti psicologici sono accompagnati da effettivi cambiamenti fisiologici», ha dichiarato Phil Reed, professore alla Swansea University in Gran Bretagna e principale autore dello studio.

La ricerca
La ricerca ha coinvolto 144 partecipanti di età compresa fra i 18 e i 33 anni. Per comprendere il loro stato d’animo con e senza l’utilizzo di Internet sono stati valutati vari parametri tra cui la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Inoltre è stato misurato il loro livello di ansia in seguito all’esclusione dell’utilizzo di dispositivi digitali connessi a Internet.

I risultati
Dai risultati è emerso che i sintomi da crisi d’astinenza hanno riportato un aumento dell’eccitazione fisiologica, della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna. Secondo i dati riportati su PLoS One ciò si verificava dopo che il soggetto si era obbligatoriamente disconnesso.

Pericolo per la propria vita?
A differenza di altre dipendenze questa non sembra essere un vero e proprio pericolo per la vita di un individuo, tuttavia l’aumento di ansia e le relative modifiche ormonali potrebbero, a lungo andare, ridurre le risposte immunitarie. Lo studio suggerisce, quindi, che i cambiamenti fisiologici che si instaurano sono simili a quelli che si verificano in seguito all’interruzione dell’alcol, della cannabis e dell’eroina.