21 ottobre 2020
Aggiornato 06:30
Centrodestra

Matteo Salvini a un evento «febbricitante» ma precisa: tampone negativo

Il leader della Lega sotto cortisone per un torcicollo: «Mai avuta febbre, fatto test sul Covid ieri mattina, negativo. Ho il torcicollo come milioni di italiani e ho preso il cortisone»

Video Agenzia Vista

C'è un video - pubblicato anche sul suo profilo Facebook - in cui Matteo Salvini, intervistato dal direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, esordisce sul palco dell'evento «ITACA"20.20» ieri a Formello spiegando di essere «un po' dolorante e un po' febbricitante». Parole che fanno scoppiare il caso, con le immagini che rimbalzano su diversi siti di informazione e diventano virali sui social network.

«Mai avuta febbre, fatto test sul Covid ieri mattina, negativo. Ho il torcicollo come milioni di italiani e ho preso il cortisone, alcuni 'giornalisti' evitassero almeno di speculare e mentire sulla salute del prossimo. Vergognatevi», precisa il leader della Lega che questa mattina aveva pubblicato una foto su twitter affermando: «Flebo di cortisone, per sconfiggere mal di schiena, collo e spalla, e si riparte!».

«Non potevo mancare»

Ieri a Formello, invece, Salvini non aveva specificato la causa dei suoi acciacchi: «Grazie agli organizzatori - aveva detto - è una grazie che vale doppio perché quest'anno non ne posso più della vita a distanza. La giornata non è partita benissimo, sono stato due ore attaccato al cortisone e quando mi sono alzato il medico mi ha detto 'lei ovviamente adesso va a casa'... io 'sì, stia tranquillo, passo prima per Anguillara sabazia, poi da Formello e quindi a Terracina ma la sera vado a casa'. Ci tenevo troppo a essere qua e quindi un po' dolorante e un po' febbricitante ma è bello esserci per viaggiare e fare idee».

Quindi è subito tornato ad attaccare il governo: «Non scommetterei un centesimo di euro che questo governo che sta insieme solo nel nome della paura e della poltrona duri fino al 2023. Vanno a casa prima».

Marcucci: «Regole valgono anche per Salvini»

«Le regole ed il rispetto valgono per tutti. Anche per i leader di partito. Anche per Matteo Salvini. Hai la febbre? Stai a casa, non vai a fare comizi in giro per l'Italia, senza mascherina». Così il capogruppo Pd In Senato Andrea Marcucci commenta il comizio a Formello del leader della Lega.

Occhionero (Iv): «Termometro vale per bambini e non per Salvini?»

«Il termometro e la febbre non sono uguali per tutti? Se un bambino ha 37.1 non viene fatto entrare a scuola e viene rimandato a casa, dovendo magari aspettare giorni prima che gli venga fatto il tampone e comunicato l'esito, mentre il senatore Salvini pur febbricitante fa comizi e partecipa a manifestazioni pubbliche. Come mai questa disparità di trattamento?». Lo scrive su Facebook la deputata di Italia Viva Giusy Occhionero.

«Meno male che il leader della Lega è risultato negativo al test che avrebbe fatto ieri mattina, ma nei giorni precedenti ha rispettato l'obbligo di isolamento fiduciario precauzionale? A giudicare dai comizi in giro per l'Italia sembra di no, visto che giovedì era a Castelfidardo e Macerata nelle Marche. Nessuno controlla?», conclude.