20 settembre 2019
Aggiornato 15:30

Conte: «Con Di Maio e Zingaretti possiamo cambiare l'Italia»

Il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, su Facebook al termine dell'incontro con le delegazioni del M5s e del Pd a Palazzo Chigi

Video Agenzia Vista

ROMA - «Con Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio e con le altre forze politiche che hanno espresso il proprio sostegno al governo abbiamo oggi una grande opportunità: migliorare l'Italia, fare il bene del Paese. Abbiamo l'occasione per una nuova stagione riformatrice». Lo ha detto il premier incaricato Giuseppe Conte in un video su Facebook. «Siamo in una fase cruciale: se l'affrontiamo con consapevolezza e determinazione potremo disegnare una società diversa. Abbiamo grandi e buone idee da realizzare per questo paese», ha aggiunto.

Valuterò se piena convinzione per progetto serio

«Ho accettato il conferimento dell'incarico a formare un governo, ho accettato con riserva perché mi sembra responsabile prendere alcuni giorni per valutare se ci sono le premesse e la piena convinzione per dar vita a un progetto serio e sostenibile. Vogliamo dar vita ad un progetto per l'Italia. Un'Italia che, a testa alta, sta tornando a essere protagonista nel mondo».

Lavoro a governo forte e stabile

«Serve un governo forte e stabile: sarò il primo responsabile di questa nuova esperienza di governo. Sto lavorando in queste ore per essere affiancato da persone di elevata competenza, buona capacità organizzativa e adeguata qualificazione politica. Questa giusta amalgama sarà importante per una squadra di governo autorevole ed efficiente».

Manovra avrà al centro le ragioni del lavoro

«Nelle consultazioni con le varie forze politiche ho registrato una consonanza tra M5s, Pd e altre forze di centrosinistra su obiettivi da raggiungere e sulla volontà di fare bene a partire dalla manovra economica. La manovra, ha spiegato, «avrà al centro le ragioni del lavoro, dello sviluppo sociale con obiettivi chiari: stop all'aumento dell'Iva, salario minimo orario, taglio del cuneo fiscale, maggior potere di acquisto dei lavoratori, Pubblica amministrazione trasparente, sostegno alle famiglie, incentivazione delle nascite, sostegno ai disabili, interventi per l'emergenza abitativa, una seria riforma fiscale che riduca le tasse e contrasti l'evasione». E ancora la «protezione dell'ambiente, lo sviluppo sostenibile, una giustizia solida ed efficiente».