27 settembre 2021
Aggiornato 08:30
Intervista a «La Verità»

Giorgia Meloni: «Tamponi gratis per tutti, Draghi sembra smerciare vaccini»

Il Presidente di Fratelli d'Italia: «Obbiettivo del Governo è fermare il contagio o vendere il vaccino. Il vaccino resta una medicina fondamentale ma non è una religione»

Il Presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni
Il Presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni ANSA

«Ho chiesto il tampone gratuito per tutti per non produrre discriminazioni con il Green pass: anche nei confronti di chi non si può vaccinare, come malati oncologici o donne in gravidanza. Mi hanno risposto che il tampone gratis costituirebbe un disincentivo a vaccinarsi. Allora mi chiedo: il nostro obiettivo è fermare il contagio o vendere il vaccino?». Lo afferma la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, intervistata da 'La Verità'.

«Alcune posizioni del governo - denuncia la leader della destra di opposizione - sembrano più attente a smerciare il vaccino che a combattere il Covid».

Come, a giudizio di Meloni, rivela anche la gestione del capitolo riapertura delle scuole in presenza. «Questo governo - dichiara - avrebbe potuto allargare le strutture scolastiche, inserire l'aerazione meccanica controllata nelle classi», come «consigliai a Draghi mesi fa per non ripetere gli stessi errori di Conte, quando ci andai: mettere in sicurezza le scuole, potenziare i trasporti per la riapertura. Ed invece «non hanno fatto nulla» perchè «hanno puntato tutto sul vaccino che però in base ai dati non ferma il contagio».

Detto questo, precisa ancora volta Meloni, «io non sono no-vax: chi lo dice è scemo o in malafede. Io mi sono vaccinata, ho spedito mia madre a vaccinarsi immediatamente, ho fatto sì che mia figlia ricevesse tutti i vaccini obbligatori». Perchè «il vaccino resta una medicina fondamentale ma non è una religione. E' giusto valutare. Per questo, ad esempio, io non vedo le ragioni per una vaccinazione di massa dei bambini».

«Federazione è solo centrodestra di Governo»

«Agli alleati di centrodestra chiedo di chiarire se questa maggioranza arcobaleno sia una parentesi provvisoria oppure se è un'eventualità che considerano per il futuro. E prima del voto politico credo che debbano chiarirlo anche di fronte agli italiani». Lo afferma la leader di Fratelli d'Italia confermando totali estraneità e disinteresse della sua destra di opposizione a Draghi al coordinamento del centrodestra annunciato da Salvini e Berlusconi nei loro incontri agostani a villa Certosa.

«Comprendo che i partiti di centrodestra inseriti nella maggioranza - dice in proposito Meloni, intervistata dalla Verità- abbiano interesse a rafforzare il loro coordinamento visto che questo governo ha una spaventosa continuità con l'esecutivo precedente. Ma ogni ipotesi di federazione non riguarda Fratelli d'Italia, che resta saldamente all'opposizione, anche perché siamo gli unici a non avere un piano B in fatto di alleanze».

«Lamorgese deve dimettersi»

«La vicenda di Viterbo grida vendetta davanti a Dio.In qualunque nazione normale il capo del Viminale si sarebbe già dimesso.Per questo stiamo valutando di presentare un mozione di sfiducia contro il ministro Lamorgese. Come può un governo che impedisce alla gente di andare al bar, che chiude le attività economiche, che non consente ai ragazzi di andare a scuola o in discoteca, consentire a migliaia di scappati di casa di bivaccare ammassati tra la droga per giorni?», argomenta l'iniziativa dell'opposizione Meloni.