25 luglio 2021
Aggiornato 07:30
Centrodestra

L'ira di Giorgia Meloni su Lega e Forza Italia: «Credono ancora nel centrodestra?»

Il Presidente di Fratelli d'Italia: «Credo che nessuno abbia lavorato in questi anni come Fratelli d'Italia per l'unità della coalizione». Intanto il Senatore Lucio Malan da Forza Italia passa a FdI

Video Agenzia Vista

«Nel centrodestra ci sono delle cose da chiarire, l'ho detto e lo ribadisco. Credo che nessuno abbia lavorato in questi anni come Fratelli d'Italia per l'unità della coalizione, banalmente perché sappiamo che ci sono decine di milioni di italiani che aspettano di vederci al governo insieme, però per fare le cose insieme serve lealtà e rispetto reciproco». Così la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, parlando a Napoli a margine della presentazione del suo libro 'Io sono Giorgia'.

«Sicuramente non si può dubitare sulla volontà di Fratelli d'Italia di stare all'interno del centrodestra. La domanda che ho posto questa mattina e che continuo a proporre è capire se invece da parte degli alleati si prendono in considerazione scenari diversi anche per il futuro».

«A questo punto - ha rimarcato - mi pare necessario chiarirlo, dopo di che, Fratelli d'Italia continuerà a fare, come sempre, tutto quello che può per l'unità e per arrivare al Governo unito il centrodestra. Chiediamo, però, rispetto, rispetto per la nostra opera politica, per il lavoro che abbiamo fatto e delle regole che hanno tenuto insieme e che tengono insieme questa coalizione in cui sicuramente la vicenda della Rai, sommata a una serie di altre, ha aperto la necessità di un chiarimento», ha concluso Meloni.

Il Senatore Lucio Malan da Forza Italia passa a Fratelli d'Italia

Il senatore Lucio Malan, attuale vicepresidente vicario del gruppo Forza Italia, aderisce a Fratelli d'Italia. Lo ha annunciato la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel corso di una conferenza stampa. «Sono molto fiera di poter annoverare tra le file di Fratelli d'Italia un esponente politico di tale esperienza, di tale serietà, di tale compatibilità con le battaglie che FdI ha condotto in questi anni e conduce ogni giorno. Perché Lucio Malan, come noi, è una persona che non ha mai avuto paura ad andare controcorrente, di battersi per il principio di libertà», ha sottolineato Meloni ricordando che il senatore Malan «fu tra i primi a denunciare la deriva liberticida dei Dpcm di Giuseppe Conte».

«La coerenza di alcune scelte rende difficile continuare a fare dove si sta. Credo che Lucio Malan, come altri, si renda conto che è impossibile difendere le nostre idee governando con la sinistra, soprattutto se c'è una sinistra arrogante che pretende di usare i voti del centrodestra per fare i suoi comodi», ha sottolineato Meloni.

«Non mi sento più di sostenere con il mio voto questo governo - ha detto il senatore spiegando le ragioni del suo passaggio da Forza Italia a Fratelli d'Italia -. C'è troppo poco cambiamento rispetto al governo Conte 2», ha sottolineato Malan riferendosi criticamente al Reddito di cittadinanza e al ddl Zan, ma anche ad alcune questioni internazionali inerenti ai rapporti tra l'Italia e il Venezuela e tra Italia e Israele. «Per questo l'adesione a Fratelli d'Italia è naturale, perché FdI» rispetta «l'essere coerenti, il fare scelte coraggiose, essendo aperti al futuro ma saldi sulle radici che determinano la nostra identità, i nostri valori, i nostri principi che non posso venir meno solo perché oggi non sono di moda».