4 agosto 2020
Aggiornato 04:30
Emergenza coronavirus

Il timore di Matteo Renzi: «Dobbiamo arrivare alla ripresa con aziende vive»

Il leader di Italia Viva: «e chiediamo alla gente di stare a casa dobbiamo permettere di rinviare il pagamento delle tasse e dobbiamo mettere liquidità nelle imprese»

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi ANSA

MILANO - «Liquidità, liquidità, liquidità. Benissimo i provvedimenti del governo, ma non bisogna abbandonare le aziende». Lo ha detto il leader di Italia Viva Matteo Renzi in un messaggio in diretta su Facebook. «Ieri i governatori e il presidente del Consiglio» hanno stabilito che «verranno chiuse ulteriori aziende. Aspettiamo che esca formalmente il decreto. Se questa è la scelta - ha detto Renzi - la rispettiamo e dobbiamo tutti dare una mano» ma «contemporaneamente penso che sia necessario che si immetta liquidità da subito altrimenti abbiamo un problema di tenuta. Se chiediamo alla gente di stare a casa dobbiamo permettere di rinviare il pagamento delle tasse e dobbiamo mettere liquidità nelle imprese. Dobbiamo arrivare alla ripresa con aziende vive».

«Penso che sia molto importante garantire liquidità - ha ripetuto l'ex premier - perché mentre chiudi le aziende devi cominciare a pensare il dopo. Le misure dell'Europa sono state molto importanti, per esempio la sospensione del patto di stabilità».

«Permettere domande a cronisti e a Parlamento di riunirsi»

Il leader di Italia Viva invita poi ad evitare di «seminare il panico», a «rispettare le regole del gioco». Secondo Renzi occorre «dare le comunicazione dopo che si sono fatti i decreti e non prima; permettere alla stampa di fare le domande; e permettere al parlamento di riunirsi. Se vanno a lavorare i poliziotti, gli allevatori, le cassiere - ha detto - è fondamentale che in questo momento che i parlamento si riunisca. Questo è il momento - ha aggiunto - nel quale proprio perché la tensione è alta, che le istituzioni si facciano sentire e il parlamento possa controllare ciò che avviene».

«Introdurre in Italia modello Corea del Sud»

Il leader di Italia Viva Matteo Renzi suggerisce di introdurre il modello di lotta al Coronavirus che sta sperimentando la Corea del Sud. «Noi abbiamo bisogno che nelle prossime ore il modello che ad esempio la Corea del Sud sta sperimentando di cacciare le persone, senza violazione della privacy o comunque con una disciplina stringente della privacy, venga introdotto in qualche misura anche in Italia».

«Ci sono professori di statistica, esperti, ingegneria, esperti di nuove tecnologie che stanno spiegando come fare e in che forme - ha aggiunto - E' il rimo argomento chiave fondamentale: bisogna avere la forza - ha sottolineato - e l'intelligenza di capire che siccome durerà mesi non basta semplicemente solo dare una mano a chi è in emergenza ma anche studiare da subito adesso come le nuove tecnologie riusciranno ad aiutarci nei prossimi mesi».

«A livello sanitario - ha osservato l'ex premier - non usciremo velocemente da questa crisi. Togliamoci dalla testa l'idea che torneremo ad abbracciarci tra poco. Probabilmente dovremo comportarci tutti come se fossimo degli asintomatici, pensare a stare attenti a che cosa tocchiamo, a come proteggere le altre persone, comportarci con grande buon senso».

Bellanova: «Filiera alimentare non chiude, tutto regolare»

«Tutte le attività direttamente o indirettamente necessarie e legate al regolare funzionamento della filiera alimentare, restano aperte». Così la Ministra Teresa Bellanova a proposito delle nuove disposizioni. «Ricevo da stamattina decine e decine di telefonate di imprenditori. Deve essere chiaro: la filiera alimentare non chiude. Tutte le attività necessarie legate al regolare funzionamento della filiera restano aperte».