7 dicembre 2019
Aggiornato 00:30

Salva-Stati, Conte non ci sta: «Su Mes è delirio collettivo, da Salvini sovranismo da operetta»

Il Presidente del Consiglio: «Il leader della Lega ha partecipato ai tavoli e ora fa finta di nulla. Questo è un atteggiamento irresponsabile, pretendo un'opposizione seria e credibile»

Video Agenzia Vista

AREZZO - «Oggi abbiamo scoperto che c'è un negoziato che è da un anno in corso. Tra l'altro questo delirio collettivo sul Mes è stato suscitato dal leader dell'opposizione, lo stesso che qualche mese fa partecipava ai tavoli discutendo di Mes». Lo spiega il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che a margine dell'Assemblea dell'Anci ha commentato le critiche sul Mes.

«Da marzo a giugno di quest'anno, abbiamo avuto vertici di maggioranza con i massimi esponenti della Lega, quattro incontri dove abbiamo discusso le fasi di avanzamento del negoziato e tutti i risvolti», aggiunge Conte.

Conte: «Pretendo un'opposizione seria e credibile»

«Questo è un atteggiamento irresponsabile - sottolinea il Premier -. Come i cittadini pretendono dal governo un atteggiamento responsabile, così io pretendo un'opposizione seria, credibile, perché difendiamo tutti gli interessi nazionali. Quando invece si partecipa ai tavoli a propria insaputa e poi si disconosce e si fa finta di nulla per suscitare scandalo e delirio. Quello non è un atteggiamento responsabile, è un sovranismo da operetta».

«Manovra? Con Bruxelles non avremo problemi»

«Vedrete che con Bruxelles non avremo problemi» rispetto ai rilievi della Commissione europea sulla manovra. A spiegarlo è stato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a margine dell'assemblea dell'Anci. «Siamo fiduciosi. Abbiamo messo in piedi una manovra - aggiunge - che è in sede di approvazione in Parlamento, con cui, pur in un quadro molto complesso, riusciamo a dare più soldi ai cittadini, alle famiglie, alle imprese, ai lavoratori tenendo in ordine i conti».