24 ottobre 2019
Aggiornato 03:00

Maurizio Martina: «L'abbraccio mortale di Salvini ai 5 Stelle ha funzionato»

L'ex Segretario: «Il Partito Democratico lavori su apertura e novità nella società. No a formule astratte. Siamo l'unica forza che può contrastare la Lega»

Maurizio Martina
Maurizio Martina ANSA

ROMA - «Mi pare chiaro che l'abbraccio mortale di Salvini ai Cinque Stelle abbia funzionato. Il Movimento paga anche la sua arroganza di questi mesi, i cittadini hanno sonoramente bocciato l'ambiguità del movimento. A forza di dire che loro sono diversi da tutto e tutti sono stati allontanati dal paese reale». Lo ha detto l'ex segretario e deputato del Partito democratico Maurizio Martina, commentando il risultato delle elezioni europee.

No a formule astratte

Quanto al PD e centrosinistra, per Martina «devono avere l'ossessione dell'apertura e della novità. Devono aprire subito un percorso di lavoro per fare entrare in partita nuove energie dalla società e devono insistere sulla questione sociale del paese. Guai a fermarsi, ora è il momento di rilanciare subito un impegno nel paese reale stando distanti dai politicismi astratti».

Rilanciare vocazione unitaria PD

«I dati delle elezioni europee indicano un passo utile per il Pd, dentro un quadro in grande trasformazione, dove il Movimento 5 Stelle crolla sotto le proprie contraddizioni di lotta e di governo, e la Lega si afferma in modo preoccupante, ribaltando i rapporti di forza nella maggioranza».

Siamo l'unica forza che può contrastare la Lega

«Il dato del PD - aggiunge Martina - è certamente utile, ma guai a noi se ci cullassimo in questo risultato. Si chiude un periodo molto difficile per noi e il lavoro fatto per la lista unitaria è stato prezioso perché ha rimesso in movimento energie per la prospettiva. Ora però - sostiene l'ex segretario Pd - è necessario subito mettersi al lavoro per un nuovo PD e un nuovo centrosinistra, rilanciando la nostra vocazione unitaria e riformista. Serve una costituente per il progetto dei democratici italiani capace di allargare il consenso. Siamo l'unica forza che può contrastare la Lega e le forze di governo e dobbiamo porci subito l'obiettivo di aprire un percorso espansivo, rivolgendoci ai tanti che cercano un'alternativa e devono poterla trovare con forza in noi».