23 aprile 2019
Aggiornato 06:00
Centrosinistra

Renzi: «La colpa della recessione è di Salvini, italiani lo capiranno»

L'ex Premier: «Da Quota 100 in poi ha posto condizioni per crollo Pil». Zingaretti: «Situazione grave, Pd incontrerà parti sociali». Delrio: «Governo ha perso tempo»

Matteo Renzi
Matteo Renzi ( ANSA )

ROMA - «Qui nella terra del Pil il responsabile della recessione è Salvini: da Quota 100 in poi ha messo le condizioni perchè l'Italia entrasse in recessione. Il colpevole ha un nome e cognome, Matteo Salvini, e gli italiani se ne accorgeranno». Lo ha detto Matteo Renzi, a Castenedolo in provincia di Brescia, in un incontro pubblico intervistato da Paolo Mieli.

Zingaretti: «Situazione grave, Pd incontrerà parti sociali»

«La situazione dell'economia è gravissima e pericolosa. Avanzeremo al Governo, alle forze sociali e produttive le nostre proposte per salvare il Paese. Il 2 aprile è già previsto incontro con i sindacati il 9 con associazioni imprenditoriali. Chiediamo al Governo di accettare il confronto partendo dalla gravità della situazione per individuare soluzioni che evitino il peggio. Per il bene che vogliamo all"Italia». Lo ha scritto in un post sulla sua pagina Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Delrio: «Governo ha perso tempo»

«Il Governo ha perso tempo in questi 10 mesi, ha spaventato gli investitori che sono scappati. E' crollata la fiducia delle imprese e delle famiglie che quindi non investono più. Siamo l'unico paese in recessione in tutta Europa. Salvini pensa molto a fare i selfie in campagna elettorale ma si occupa poco del paese e lo dimostrano i dati economici: i posti di lavoro in questi ultimi anni sono continuati ad aumentare». Lo ha detto Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, ai microfoni del Giornale radio Rai (Radio1) intervistato da Sonia Oranges.

Le promesse dell'Esecutivo

«Si sperava che loro facessero meglio. Ma che addirittura deprimessero l'economia con delle sfide impossibili e con provvedimenti che non aiutano la crescita, questo non se lo aspettava nessuno - ha aggiunto -. Il governo cerca di rimediare ai suoi errori ma il reddito di cittadinanza e quota 100 avranno un impatto sulla crescita molto, molto modesto. Non dimentichiamo che stiamo parlando di un governo che aveva promesso, con il Premier Conte: 'Un anno bellissimo, un anno di sviluppo e un pil al 3%' addirittura. Oggi il Pil è allo zero».