25 aprile 2019
Aggiornato 21:30
Caso Diciotti

Maurizio Martina a Salvini: «La Legge è uguale per tutti, fattene una ragione»

Il candidato alla segreteria del Partito Democratico, Maurizio Martina, a margine di un'iniziativa a Genova. L'ex Ministro Marco Minniti: «Una delle pagine più tristi nostra Democrazia»

Maurizio Martina, candidato alla Segreteria del PD
Maurizio Martina, candidato alla Segreteria del PD ( ANSA )

ROMA - «Un ministro anche se potente deve essere giudicato come un cittadino. La legge è uguale per tutti e Salvini se ne deve fare una ragione». Lo ha detto il candidato alla segreteria del Partito democratico Maurizio Martina, a margine di un'iniziativa a Genova.

Minniti: Una delle pagine più tristi nostra Democrazia

«Penso che la pagina del sequestro della nave Diciotti sia una delle più tristi della democrazia italiana». Queste le parole di Marco Minniti, parlamentare del Partito Democratico ed ex Ministro dell'Interno, ad Agorà Rai Tre, condotto da Serena Bortone, sulla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per sequestro di persone.

Rosato: Perfetto per Salvini parlare per mesi del processo

«Può darsi che Salvini decida di farsi processare per utilizzare la cosa a scopi elettorali. Il punto di forza di tutta la sua comunicazione e della sua politica è lo scontro sull'immigrazione, guai se si trova un accordo per gestire l'immigrazione, altrimenti lui di cosa parlerebbe? Sarebbe perfetto per lui poter parlare per mesi di un processo che si svolgerà. Vedremo se chiederà o meno al Senato di votare l'autorizzazione a procedere. Penso che il compito della magistratura sia fare le indagini ed è giusto che facciano le indagini sul rispetto della legge, la legge non devono rispettarla solo i comuni cittadini, ma ancora di più chi ha responsabilità pubbliche. Se a Salvini non piacciono alcune leggi le cambi, ma non è che può non rispettarle. Il compito della politica è far sì che su temi di questo tipo i problemi si risolvano, non che si amplifichino come cassa di risonanza, cosa che purtroppo stiamo vedendo ancora in questi giorni in maniera brutale e vergognosa sulla pelle di poveri disgraziati». Lo ha detto Ettore Rosato, vicepresidente della Camera e deputato PD, a Radio Cusano.

Ascani: Salvini fa vergognare di essere italiani

«Credo che l'atto sulla Diciotti sia stato vergognoso ?? Sono convinta anche io che è un atto politico, un atto politico vergognoso che io, da parte mia, mi sento di condannare. Dopodiché io non voglio far considerare Salvini un martire. Salvini non è un martire. Salvini è un uomo politico che si sta assumendo la responsabilità di far vergognare me e qualche altro migliaio di italiani di essere italiani». Lo ha dichiarato Anna Ascani, parlamentare del Partito democratico, ad Agorà Rai Tre, condotto da Serena Bortone.