28 ottobre 2020
Aggiornato 13:00
Centrosinistra

Romano Prodi «affonda» la Sinistra: «Mancano idee e prospettive»

L'ex Premier e fondatore dell'Ulivo cita Parisi: «La politica non si fa con il che, ma col chi. Governo? Alternativa possibile solo con lotta interna alla maggioranza»

BRUXELLES - Per l'ex Premier, ex presidente della Commissione e fondatore dell'Ulivo, Romano Prodi, perché la sinistra in Italia possa riprendersi servirebbero idee e prospettive che oggi mancano, così come manca un leader. «In politica - ha detto rispondendo ai giornalisti a margine di una conferenza stampa oggi a Bruxelles - i cambiamenti avvengono spesso in modo anche molto più veloce di quanto non si creda».

La citazione di Parisi

Ai tempi dell'Ulivo, ha ricordato, «io non avevo mai pensato di vincere le elezioni: abbiamo organizzato tutto ed è andata bene. Il problema e avere un'idea, una prospettiva, che è quello che manca oggi». A un giornalista che chiedeva se alla sinistra non manchi anche un leader, Prodi ha poi risposto, imitando l'accento sardo: «Come diceva Arturo Parisi, la politica non di fa con il che ma col chi».

Alternativa possibile solo con lotta interna alla maggioranza

«Un cambiamento di prospettiva politica in Italia oggi è possibile solo se ci sono rotture all'interno della maggioranza di governo, perché l'opposizione non ha i numeri». In Italia, ha detto rispondendo a una domanda dei giornalisti sulle prospettive del centro sinistra in vista delle elezioni europee, oggi «c'è un'opposizione ma non c'è un'alternativa», perché «non ci sono i numeri che possano visibilmente sostituire nel breve termine» l'attuale maggioranza di governo.

Il potere è un forte collante

«A meno che non si formi un'alternativa, sarà difficile avere un cambiamento. Solo se c'è una lotta interna alla maggioranza» questo potrà accadere, ha sottolineato. «Non è impensabile, ma è non è facile, perché il potere è un forte collante, il più forte collante al mondo», ha concluso Prodi.